Home / NEWS / Calabria, il leccapiedi di Zingaretti nominato commissario alla sanità

Calabria, il leccapiedi di Zingaretti nominato commissario alla sanità

Calabria, Matteo Salvini sul nuovo commissario Narciso Mostarda: “Preferirei un calabrese a un dirigente di Zingaretti”

Il governo sembra pronto a sciogliere le ultime riserve e a nominare Narciso Mostarda in qualità di commissario alla sanità in Calabria, anche se la partita non è ancora ufficialmente chiusa e quindi potrebbe riservare altri clamorosi colpi di scena. “Con tutto il rispetto per un dirigente della sanità di Nicola Zingaretti – ha commentato Matteo Salvini – la Lega continua a ritenere che la scelta migliore sia quella di un manager o di un medico calabrese che già conosce la realtà da risanare”. Invece Mostarda è laziale e soprattutto è il quarto a occupare tale ruolo nel giro di un paio di settimane, dopo i casi tanto clamorosi quanto sconcertanti di Cotticelli, Zuccatelli e Guadio. Stavolta il premier Giuseppe Conte e il ministro Roberto Speranza hanno avuto diverse difficoltà a trovare qualcuno disposto ad accettare questa patata bollente, ma alla fine la fumata bianca del Consiglio dei ministri dovrebbe arrivare su Mostarda, 58enne che dal Pd è ritenuto un manager di esperienza nel settore della sanità, avendo prestato servizio in qualità di dirigente psichiatra alla Asl Rm/C e a quella di Frosinone. 


ROMA – Narciso Mostarda è il candidato più probabile per il ruolo di commissario alla Sanità in Calabria. Ma la partita non è ancora chiusa. E la scelta potrebbe anche non arrivare nel corso del consiglio dei ministri ancora in corso in tarda serata. Mostarda, medico laziale, è l’attuale direttore dell’Asl Roma 6. Ha 58 anni, è laureato in medicina con specializzazione in neuropsichiatria infantile. Non mancano gli impegni in politica: nel 2009 è stato assessore del Pd nel Comune di Frosinone. Nel 2016 è stato nominato direttore generale della Asl H, la numero 6, di Roma. Un altro nome sul tavolo sarebbe quello di Luigi Varratta, già prefetto di Firenze.

loading...

Check Also

Renata Polverini, il voto della vergogna: con questa scusa si schiera clamorosamente con Conte e la feccia rossa

Non ci sono parole. Quel sì di Renata Polverini al governo di Giuseppe Conte ci …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *