Home / NEWS / Addio mamma Angela, morta dopo ore di inutile attesa al Pronto soccorso: “Devastati”

Addio mamma Angela, morta dopo ore di inutile attesa al Pronto soccorso: “Devastati”

Lutto a Barletta per la prematura scomparsa di Antonella Abbatangela. La donna aveva solo 41 anni e stava lottando contro il coronavirus. Antonia è morta nell’ospedale di Barletta dove ha dovuto attendere 11 ore prima di ottenere un posto letto.

La donna, mamma di un bambino di 14 mesi, ha iniziato a manifestare i primi sintomi del coronavirus la scorsa settimana. Aveva iniziato ad accusare tosse e febbre e all’inizio le sue condizioni erano sembrate gestibili in un primo momento, ma poi sono peggiorate.

Come riporta ‘Il Gazzettino’, dopo il peggioramento i familiari l’hanno portata all’ospedale di Trani, dove viveva Antonia, ma la struttura non era attrezzata così è stata trasferita a Barletta, ma è rimasta in attesa per 11 ore in Pronto Soccorso per assenza di posti letto. 

Una volta arrivata al Pronto Soccorso di Barletta la famiglia è riuscita a ottenere notizie solo tramite i medici, poi è arrivata la drammatica notizia. La storia è raccontata dal Corriere del Mezzogiorno di Bari in un articolo in cui si precisa che la donna non avesse particolari patologie.

“Strazio, dolore profondo per una giovane mamma di Trani, Antonia Abbatangelo, morta dopo essere stata 11 ore in attesa al pronto soccorso di Barletta. – si legge sl Corriere del Mezzogiorno – Come già denunciato da chi lavora in quell’ospedale, lì e non solo lì ci sono pochi uomini che fanno turni massacranti, e pochi mezzi. Non voglio fare polemica, ma qui in Puglia da giugno a settembre è stato fatto poco o nulla per prevenire la seconda ondata. Mesi di tempo preziosi, sprecati. Una programmazione che non c’è stata, o è stata fallimentare”.

loading...

Check Also

“Mattarella non è il suo badante” Bomba su Conte: “Sarebbe facile”, dal Quirinale voci tombali sul premier

“Questo vociare di rimpasti e rimpastini inquieta non poco il Quirinale”. Lo scrive Dagospia, che ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *