Home / NEWS / Violento nubifragio si abbatte sulla città: fango, strade allagate e persone portate in salvo in braccio

Violento nubifragio si abbatte sulla città: fango, strade allagate e persone portate in salvo in braccio

Crotone, panico tra i cittadini. La citta calabrese si è trovata circondata dall’acqua in seguito al nubifragio scatenato nelle ultime ore. Allerta meteo rossa, diffonde il panico tra la popolazione. Necessario il pronto intervento da parte dei vigili del fuoco ancora impegnati sul post per liberare vie invase dall’acqua, ma non solo automobili, garage e scantinati. A pagare di più sono le aree più periferiche.

Particolarmente colpite le zone Margherita, Poggio Verde e il quartiere di Tufolo. Il comune di Crotone, in una nota fa sapere: “La situazione in queste ore è destinata a peggiorare. Restare a casa per sicurezza e per non ostacolare il lavoro delle squadre di soccorso”. Colpito anche il centro cittadino. Il nubifragio è avvenuto dopo l’allerta meteo rossa lanciata dalla Protezione Civile. (Continua a leggere dopo la foto).

E le squadre dei Vigili del fuoco e della protezione civile sono ancora impegnati in numerosi interventi per riuscire a liberare le aree invase in seguito alla bomba d’acqua. Pioggia incessante a partire dalla tarda serata che ha continuato a riversarsi per tutta la notte.  Uno scenario allarmante per il risveglio dei crotonesi, che hanno assistito a uno scenario caratterizzato da allagamenti e fango. (Continua a leggere dopo la foto).

Fortunatamente, nonostante l’impatto violento in seguito al maltempo, non sono stati registrati al momento danni a persone. La tensione rimane ancora alta anche alla luce delle previsioni meteo che sembrano non voler dare una tregua. L’Esaro e i suoi canali sono i sorvegliati speciali. Intanto alcune zone della città risultano essere anche senza corrente elettrica, si apprende da La Gazzetta del Sud.

loading...

Check Also

“Mattarella non è il suo badante” Bomba su Conte: “Sarebbe facile”, dal Quirinale voci tombali sul premier

“Questo vociare di rimpasti e rimpastini inquieta non poco il Quirinale”. Lo scrive Dagospia, che ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *