Home / GOSSIP / Tempi duri per le mantenute. Riconosci la ‘bonas’ di Bonolis? Stava con un milionario vecchio ma non scemo: così ha reagito dopo aver scoperto che lei lo cornificava

Tempi duri per le mantenute. Riconosci la ‘bonas’ di Bonolis? Stava con un milionario vecchio ma non scemo: così ha reagito dopo aver scoperto che lei lo cornificava

Andrea Galli per il “Corriere della Sera”

Nella causa, subito mediaticamente pubblicizzata, che ha mosso contro l’ex fidanzata Sara Croce alla quale chiede un milione e 51.548,72 euro di risarcimento, il magnate Hormoz Vasfi ha dimenticato o forse ignora d’essere a sua volta destinatario di un’azione legale che trascende le pur diffuse e tristi contese, alla fine di una relazione, legate alla restituzione di quanto speso e regalato.

La 22enne pavese, modella e volto televisivo (in programmi di Paolo Bonolis), ha depositato una denuncia querela per stalking alla Procura di Milano proprio contro il 54enne, uno degli uomini più ricchi in circolazione e protagonista di una rete assai ramificata di conoscenze nello show-business.

Il cuore dell’accusa di Croce, che si basa come innesco delle prove su 80 chiamate e 423 messaggi di «pressioni» di Vasfi, ricevuti in soli 25 giorni successivi la fine della storia da sua mamma e suo zio, poggia su integrazioni preparate dall’avvocato Angelo Pariani, deciso a tutelare l’assistita in sede penale e civile, a maggior ragione, sostiene, per il fatto che una vittima venga ora fatta passare per truffatrice, inevitabilmente danneggiata (non solo) a livello professionale, visto che è a inizio carriera.

Come da lettura dell’atto di citazione dello studio Giuseppe Iannacone e associati (il pool di legali del magnate), lui, iraniano di Teheran, auspica di rientrare dei doni di compleanno e in generale di qualsiasi pagamento sostenuto nei mesi della storia, comprese le confezioni di cialde del caffè, un lettore Dvd e una lavatrice, adducendo un presunto tradimento (con un calciatore) di Croce quale motivo della separazione. Un’offesa e ancor prima una mancanza di rispetto a fronte della piena disponibilità, da parte del 54enne, nel soddisfare ogni richiesta dell’allora fidanzata.

L’elenco inserito nell’atto di citazione comprende un «gioiello Bulgari da 50 mila euro», l’upgrade di classe (in Business) sui Frecciarossa Milano-Roma poiché «la produzione del programma» della modella «si limitava all’Economy», shopping a Dubai durante una vacanza per «47 mila euro», un orologio e un bracciale Cartier per «34 mila euro», cene di Croce con amici e genitori per «6 mila euro» a sera, spese di agenzia e locazione («10 mila euro a trimestre») per un appartamento in affitto al 28 di piazza San Marco a Milano, soggiorno a Parigi per visitare con un’amica, soddisfacendo un sogno da bambina, Disneyland («7 mila euro»).

L’avvocato Pariani, nel rilevare comunque spese avvenute in piena libertà e per precisa volontà, non certo sotto ricatto, ricorda i toni di messaggi e chiamate, e si sofferma per appunto sulle frasi inerenti la denigrazione di quello poi divenuto nuovo compagno della modella; e ricorda, l’avvocato, che Croce ha restituito una Land Rover avuta per il compleanno: scelta da cui avrebbe potuto esimersi, forte del favore di sentenze di Cassazione, ma che deve intendersi col desiderio di non approfittarsi della relazione, germogliata a ottobre e chiusa a giugno, dopo un lockdown «da separati in casa».

Vasfi è presenza fissa di articoli di gossip in considerazione dei rapporti con giovani soubrette e influencer quale la stessa modella, che conta 750 mila follower su Instagram, piattaforma dove il magnate, viene osservato in quell’atto, «non trova spazio alcuno, nemmeno indirettamente».

loading...

Check Also

“Ecco perché puzza…” Patrizia De Blanck e il disgustoso dettaglio sulla sua biancheria intima. E’ sconcerto nella casa

Scene imbarazzanti al Grande Fratello Vip, tutta colpa di Patrizia De Blanck. Scene da censura nel reality …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *