Home / NEWS / “Togliti quello sguardo di superiorità, non hai capito che devi vergognarti?” Una Boralevi da urlo demolisce la parassita del PD in diretta tv

“Togliti quello sguardo di superiorità, non hai capito che devi vergognarti?” Una Boralevi da urlo demolisce la parassita del PD in diretta tv

La scrittrice Alessandra Boralevi è stata la voce di gran parte degli italiani a Otto e Mezzo, dove Lilli Gruber è apparsa un po’ troppo accondiscendente dinanzi a Sandra Zampa. La sottosegretaria al ministero della Salute ha fatto quasi tenerezza per l’ingenuità con cui ha difeso il governo, non ammettendo quello che è sotto gli occhi di tutti, ovvero che è arrivato totalmente impreparato alla seconda ondata del coronavirus. Lo si evince proprio dalle dichiarazioni della Zampa, che ancora parla di situazione europea molto più grave di quella italiana: non ha capito che stiamo perdendo tutto il vantaggio e stiamo per fare la stessa fine, se non peggiore, dei nostri vicini di casa. “Voi siete quelli del ‘come siamo stati bravi, il virus è sconfitto, ora per l’economia tornate tutti a mare’”, ha esordito la Boralevi che poi ha affondato il colpo: “Quello che il governo ha fatto sono stati gli Stati Generali, le task force, i banchi monoposto per le scuole e i monopattini per i trasporti. Avete passato cinque mesi a dire quanto siete stati bravi e avete portato il Paese in una situazione drammatica. È inutile che mi guardi con quello sguardo così superiore perché lei ha la responsabilità della salute di tutti i cittadini. Dite che le scuole funzionano benissimo, che i medici di base sono dotati di tutte le attrezzature, ma non è vero e purtroppo voi non siete in grado di proteggerci”. Applausi, sipario.

loading...

Check Also

Banchetto per la prima comunione, è bastata la telefonata di un infame per far scattare più pattuglie dei Carabinieri: ecco dove è avvenuto

I Carabinieri della Stazione di Cautano (BN), a seguito di una segnalazione di un cittadino …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *