Home / NEWS / Addio Senato, si punta molto più in alto: Giulia Bongiorno, le indiscrezioni sull’ultimo clamoroso botto politico

Addio Senato, si punta molto più in alto: Giulia Bongiorno, le indiscrezioni sull’ultimo clamoroso botto politico

Sul tavolo dei leader del centrodestra è arrivato un sondaggio riservatissimo che dà un’indicazione inequivocabile: Giulia Bongiorno è la candidata ideale per la scalata al Campidoglio. Lo scrive Marco Antonellis su Italia Oggi, sottolineando come la leghista abbia il curriculum giusto per succedere a Virginia Raggi: “Ad appena 27 anni è stata l’avvocato di Giulio Andreotti nel processo di mafia e dal 2006 a oggi è stata una politica di primo piano fino ad arrivare, nel penultimo governo, a ricoprire la carica di ministro della Pubblica amministrazione”.

Stando alle rilevazioni riservate che circolano all’interno del centrodestra, il principale avversario della Bongiorno nella corsa a sindaco di Roma potrebbe essere Carlo Calenda, ma solo nel caso in cui quest’ultimo venisse sostenuto dal Pd. Cosa niente affatto scontata, se si considera che il leader di Azione è all’opposizione del governo giallorosso presieduto da Giuseppe Conte e per questo non è ben visto da alcune aree dem. Ma al momento il Pd non sembra avere alternative migliori, dato che i nomi di peso ricercati (Enrico Letta, David Sassoli e Franco Gabrielli) hanno tutti risposto picche. Sullo sfondo c’è sempre la ricandidatura di Virginia Raggi, che però sembra avere poche speranze di arrivare almeno al ballottaggio in caso di candidature di Calenda e Bongiorno, con quest’ultima che sarebbe favorita anche sul leader di Azione. 

loading...

Check Also

Angela Merkel ha più corna di un cesto di lumache! solo oggi si viene a sapere come reagì quando trovò il marito con chi meno si immaginava

Dagonews (dagospia.com) Quanti cuori vengono strapazzati dalla politica e dal potere! Quel farfallone senza limitismo …

Un commento

  1. Calenda ?? il primo della classe ! quando si confronta con un politico la prima cosa che gli dice: tu non sai di che stai parlando !! e poi spiega la sua posizione che lui ritiene l’unica possibile, interrompe, per confondere, il suo interlocutore ed è, secondo me, aggressivo e troppo pieno di se per essere un buon amministratore, non riconosce i suoi errori del passato, non ha l’umiltà che farebbe la differenza tra un uomo politico e uno sbruffone qualsiasi. Quindi un Calenda inadeguato al difficile compito di essere il sindaco di una grande città come Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *