Home / GOSSIP / “Razzista!”. GF Vip, nuova bufera su Fausto Leali: stavolta siamo alla follia, guai ad aprir bocca. Roba da matti

“Razzista!”. GF Vip, nuova bufera su Fausto Leali: stavolta siamo alla follia, guai ad aprir bocca. Roba da matti

Fausto Leali, ancora polemiche per quella parola. La vita dentro la casa del Grande Fratello Vip non è mai così semplice come sembra. Ogni gesto, ogni parola possono assumere un altro peso. La polemica sollevata durante una conversazione intrattenuta tra Enock, il fratello di Balotelli, e Fausto Leali, continua a ripercuotersi anche fuori dalla casa più spiata d’Italia.

Lo chiama  “ne*ro”, e non la prende troppo bene. Tutto è avvenuto tra microfoni e telecamere quindi impossibile per il video non essere diffuso a macchia d’olio e in pochissimo tempo.  “Nero è un colore, ne*ro è la razza”. Il cantante di “Angelo Negro” ha portato Enock a un botta e risposta immediato e senza precedenti: “Da casa ci guardano, non deve passare questa cosa”. La conversazione prosegue: “Che cosa faccio con le mie canzoni con i negri?”, ribatte Leali a cui segue di nuovo il fratello di Balotelli: “Ho capito cosa vuoi dire ma è una parola che non deve essere detta. Sennò la gente pensa che è normale dirlo, non è normale dirlo perché a me per strada se mi dicono quella cosa lì…”. Enock, nei giusti modi, prova a spiegare la sua opinione.

Fausto Leali continua a mettere a dura prova la redazione del Grande Fratello, che anche in seguito a quelle affermazioni su Mussolini ha ritenuto opportuno temporeggiare e dare al cantante la possibilità di replica, senza altre conseguenze o espulsione: “Ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni. È andato poi con Hitler. Nella storia, Hitler era un fan di Mussolini”. Queste le sue affermazioni poche ore dopo il suo ingresso nella casa. 

loading...

Check Also

“Ho ricevuto proposte spinte da questi onorevoli” Luxuria, la dichiarazione sconcertante in diretta da Giletti

Ieri sera è andata in onda una nuova puntata di “Non è l’Arena“, programma televisivo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *