Home / NEWS / Prete ammazzato da un clandestino? Il titolo di Repubblica è di una vergogna inaudita: cosa dimenticano di scrivere? Che combinazione

Prete ammazzato da un clandestino? Il titolo di Repubblica è di una vergogna inaudita: cosa dimenticano di scrivere? Che combinazione

Don Roberto Malgesani, Claudio Borghi contro Repubblica: “Nei titoli scompare d’incanto il migrante assassino”

“Nei titoli scompare d’incanto il migrante assassino per lasciare il posto al migrante incredulo”. Claudio Borghi punta il dito contro il sito de La Repubblica, che considera fazioso per il modo in cui ha deciso di dare la notizia del prete ucciso a coltellate da un immigrato a Como. Don Roberto Malgesani è stato assassinato in centro con un coltello da cucina da un tunisino senza permesso di soggiorno, che si è subito costituito con gli abiti ancora macchiati di sangue: il prete era conosciuto in città per il suo impegno a favore dei migranti, ma a costargli la vita è stato proprio uno di questi, che tra l’altro non avrebbe neanche dovuto trovarsi in Italia, essendo stato colpito dal 2015 da diversi decreti di espulsione. Probabilmente il soggetto presenta problemi psichici che lo hanno spinto a compiere il folle gesto, ma è curioso come certa stampa nasconda sistematicamente nei titoli i migranti che compiono delitti tremendi. Infatti sotto al post di Borghi contro La Repubblica viene fatto notare che anche il Corriere della Sera ha preferito parlare di “senzatetto” nel titolo. 

loading...

Check Also

“Appena ricoverato”. Dago-Bomba su Urbano Cairo: come lo stanno curando? Roba praticamente introvabile per le persone normali

“All’ospedale San Paolo di Milano hanno appena ricoverato Urbano Cairo nel reparto infettivi”. È il flash pubblicato …

Un commento

  1. Il “migrante” è un individuo che sta migrando, questo tunisino mussulmano, invece era stanziale, clandestino a Como, proprio perchè la CARITAS lo manteneva.
    Inoltre NON AVEVA PROBLEMI PSICHICI questa è una MENZOGNA PROPAGANDISTICA del REGIME di sinistra al potere e dei giornali-tv loro servi.
    A proposito degl’inventati “problemi psichici” la Questura di Como dichiara:
    “Non risulta né dalla documentazione medica che lo riguarda né dalle verifiche con i servizi sociali”
    I MEDIA INGANNANO GLI ITALIANI, NASCONDONO I CRIMINI DEGLI IMMIGRATI o li MINIMIZZANO in modo che l’INVASIONE prosegua indisturbata e che dei fessi portino anche, the e pasticcini agl’invasori assassini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *