Home / NEWS / Esplosioni nel centro della città, palazzi distrutti, feriti e fumo: il video è impressionante

Esplosioni nel centro della città, palazzi distrutti, feriti e fumo: il video è impressionante

Due esplosioni hanno scosso Beirut, capitale del Libano. Una giornalista del sito Daily Star, Ghada AlSharif, ha postato sul proprio account Twitter le immagini degli uffici investiti dalle deflagrazioni. Decine di persone sono rimaste ferite, alcune sarebbero intrappolate sotto le macerie. Secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe trattato di un incidente in un magazzino di fuochi d’artificio, ma al momento le fonti sono discordanti.

L’onda d’urto ha investito un’estesa area della città, danneggiando diversi edifici e provocando il panico tra la gente. Secondo Al Arabiya e diversi testimoni ci sarebbero state almeno due esplosioni, nella zona del porto, ma anche su questo non c’è molta chiarezza. Secondo alcune fonti libanesi, per ora non confermate, la prima esplosione sarebbe avvenuta in un deposito di fuochi d’artificio. (Continua a leggere dopo la foto)

Sui social network è stato ripreso il momento della seconda esplosione, quella più grande e fragorosa, che ha provocato una grande nuvola di fumo visibile in gran parte della capitale libanese. Secondo quanto riferisce su Twitter la corrispondente del quotidiano emiratino The National, Joyce Karam, una delle due deflagrazioni avrebbe avuto luogo nelle vicinanze della residenza dell’ex primo ministro Saad Hariri. (Continua a leggere dopo la foto)

Da questa notte Beirut è rimasta al buio: senza corrente elettrica a causa delle sempre più frequenti interruzioni del funzionamento delle centrali elettriche, rimaste a secco di combustibile, le principali piazze e le vie della capitale libanese non sono più illuminate negli orari serali e notturni. Il Libano è in default finanziario. (Continua a leggere dopo la foto)

In un paese che di fatto importa quasi ogni merce dall’estero e che è privo di una vera e propria industria, la svalutazione della lira locale rispetto al dollaro statunitense, assieme alla penuria di riserve in valuta pesante nelle banche e nella Banca centrale, rendono difficile per il governo l’acquisto del combustibile per alimentare le centrali elettriche del paese.

loading...

Check Also

“In clinica con la flebo attaccata”. Paura e preoccupazione per l’amata cantante italiana. È lei a spiegare tutto

Il tanto atteso giorno del suo matrimonio, previsto per il 26 settembre, si sta ormai …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *