Home / NEWS / ‘Sono rovinato, ho pensato al suicidio’ La sceneggiata di Casalino e fidanzato è sempre più senza vergogna, con la complicità dei media asserviti in toto al burattinaio di Conte

‘Sono rovinato, ho pensato al suicidio’ La sceneggiata di Casalino e fidanzato è sempre più senza vergogna, con la complicità dei media asserviti in toto al burattinaio di Conte

“Avevamo già problemi, ma questo è stato il colpo di grazia. Ormai è finita al 100%. Questa bomba mediatica ha scatenato tra noi litigi su litigi”. A parlare in un’intervista a Repubblica è Jose Carlos Alvarez, ormai ex fidanzato del portavoce del presidente del Consiglio Rocco Casalino, con il quale era legato da sei anni, il cui nome è rimbalzato su tutti i media per aver perso molti soldi investendo nel trading online e per essere stato segnalato all’Ufficio antiriciclaggio di Bankitalia. Vicenda che ha costretto Casalino a diramare una nota per chiarire la situazione e dirsi estraneo da ogni responsabilità.  “Ci tengo a raccontare come stanno le cose, non sono un ludopatico, sono una vittima” spiega Alvarez, “le notizie che sono trapelate hanno il solo scopo di screditare Rocco. L’obiettivo di tutto questo è costringerlo a farsi da parte”.

Racconta come è iniziato tutto, “all’inizio del lockdown, mi sono imbattuto nel trading online, cliccando su una pubblicità”. Attirato da un investimento nel petrolio che lo ha portato a perdere molti soldi. 

Nessun ruolo, chiarisce, di Rocco Casalino. “Mi vergognavo” di parlarne con lui, spiega, “Sono caduto in una profonda depressione, ho anche pensato di suicidarmi. Ed è da quel momento che è iniziato il nostro distacco”. Come ha reagito? ”C’è stato un bel casino. È stato molto duro. Mi ha detto: “Adesso vai a lavorare per 10 anni per pagare il debito con la banca e in più dovrai comprarti da mangiare, pagarti l’affitto, aiutare tua madre. Quindi devi trovarti un lavoro, minimo, da 2 mila euro al mese”.

loading...

Check Also

Mangia un piatto di gamberi e muore a 27 anni. Lascia il figlio di 8 mesi e il marito

Refka Didri, di origine tunisina, lavorava al ristorante stellato  “I pupi” di Bagheria. Il medico: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *