Home / NEWS / Scappa per non pagare il conto al ristorante, così muore per sfuggire agli inseguitori imbufaliti

Scappa per non pagare il conto al ristorante, così muore per sfuggire agli inseguitori imbufaliti

Visualizza articolo

Quando è arrivato all’ospedale di Tivoli gli avevano dato dieci giorni di prognosi, ma dopo alcune complicazioni è stato trasportato all’ospedale San Camillo di Roma ed è morto quattro giorni dopo. Il ragazzo lo scorso mercoledì si era fatto una ferita profonda ed aveva perso parecchio sangue, tanto che era stato portato al pronto soccorso in ambulanza.

Quando è arrivato all’ospedale di Tivoli gli avevano dato dieci giorni di prognosi, ma dopo alcune complicazioni è stato trasportato all’ospedale San Camillo di Roma ed è morto quattro giorni dopo. Il ragazzo lo scorso mercoledì si era fatto una ferita profonda ed aveva perso parecchio sangue, tanto che era stato portato al pronto soccorso in ambulanza.

Il giovane era stato trasportato in ospedale con una profonda ferita alla parte superiore della gamba che alla fine gli è stata letale. Dopo due giorni la ferita è andata in setticemia e i medici dell’ospedale di Tivoli hanno deciso di trasferirlo al San Camillo di Roma, dove è morto due giorni dopo. Come scrive Marco Carta sul quotidiano Il Messaggero, Giuliano lascia una figlia piccola, aveva una vita da precario. (Continua a leggere dopo la foto)

Sull’episodio la procura ha aperto un’inchiesta con l’ipotesi di reato di omicidio colposo, al momento senza indagati. A sporgere denuncia è stato il padre di Giuliano Bergamini. Il pubblico ministero Francesco Cascini ha già disposto l’autopsia, che verrà eseguita nelle prossime ore: si vuole capire come sia stato curato e se un diverso trattamento da parte dei medici avrebbe permesso di salvarlo. (Continua a leggere dopo la foto)

Sui social tanti i messaggi di cordoglio. “Ragazzo sempre con il sorriso sulle labbra”, scrive Salvatore Nuzzo. Michele Lenti, il suo barbiere, aggiunge: “L’unica foto che ho di te, una delle ultime volte che sei venuto a farti il capello. Pazzo e vanitoso. Ma un gran cuore. Un abbraccione fino lassù belloccio”.

loading...

Check Also

Mangia un piatto di gamberi e muore a 27 anni. Lascia il figlio di 8 mesi e il marito

Refka Didri, di origine tunisina, lavorava al ristorante stellato  “I pupi” di Bagheria. Il medico: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *