Home / NEWS / “Così li ho fregati e sono uscito durante il lockdown” Bocelli, che goduria: così durante il convegno al Senato si auto-denuncia spernacchiando Conte ed i terroristi del virus

“Così li ho fregati e sono uscito durante il lockdown” Bocelli, che goduria: così durante il convegno al Senato si auto-denuncia spernacchiando Conte ed i terroristi del virus

«Mi sono sentito umiliato e offeso come cittadino quando mi è stato vietato di uscire di casa». Sono queste le parole di Andrea Bocelli che ricorda i duri momenti del lockdown scattato a causa dell’emergenza coronavirus. «Devo anche confessare, e lo faccio qui pubblicamente, di aver anche in certi casi disobbedito volontariamente a questo divieto perché non mi sembrava giusto né salutare. Ho una certa età e ho bisogno di sole e di vitamina D».

Ammette quindi di aver trasgredito alle regole raccontando come ha vissuto i giorni del blocco, oggi durante il suo intervento al convegno a Senato ‘Covid-19 in Italia: tra informazione, scienza e diritti’, evento al centro di polemiche in seno alla comunità scientifica italiana. Bocelli, che ha in passato raccontato di aver affrontato personalmente Covid-19 e di essere guarito, ha anche sottolineato le difficoltà per i più piccoli che si sono ritrovati senza scuola e in generale ha lanciato un appello: «Rifiutiamoci di seguire questa regola, prendiamo dei libri, giriamo, conosciamoci, parliamo, dialoghiamo». 

loading...

Check Also

Violentissimo nubifragio su Napoli: crolli, feriti e paura tra gli abitanti. La situazione

Il forte maltempo sta sferzando diverse parti d’Italia. A Salerno c’è stata un’incredibile tromba d’aria, …

Un commento

  1. Bocelli non è cieco, lo sono gli zombies che credono al governo ed alle TV.
    Questo “virus” ha fatto gli stessi morti che fanno le influenze stagionali tutti gl’anni: aprite gl’occhi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *