Home / NEWS / Superenalotto centrato un ‘sei’ da 60 milioni di euro: ecco dove è stata giocata la schedina vincente

Superenalotto centrato un ‘sei’ da 60 milioni di euro: ecco dove è stata giocata la schedina vincente

Superenalotto: centrato un “sei” vincente da quasi 60 milioni a Sassari: schedina da tre euro. La sestina vincente di oggi martedì 7 luglio: 16 – 24 – 29 – 53 – 73 – 88Numero Jolly 62, Superstar 50. C’è quindi un super vincitore che si porta a casa un bottino da urlo che per la precisione corrisponde a 59.472.355,48 euro. Ma non solo, sono stati centrati anche tre “cinque” da oltre 52mila euro.

Il sei vincente è stato giocato a Sassari presso il punto di vendita Sisal Tabacchi Riv 45 situato in via Luna e Sole 11 con una schedina da soli tre euro. La vincita di prima categoria, riorda Agipronews, mancava in regione dal 21 marzo 2015, quando proprio a Sassari venne conquistato il Jackpot da 9,5 milioni di euro.

Nella storia delle regioni più premiate dalle vincite di prima categoria, la Campania è sempre al primo posto con 18 “6”, seguita dal Lazio con 16. Alle sue spalle l’Emilia Romagna con 13 e la Puglia con 10, poi la Toscana con 9. Sono invece tre le regioni che dal 1997 a oggi non hanno mai realizzato un “6”: si tratta di Valle d’Aosta, Trentino e Molise. 

Quella di stasera è la seconda vincita con punti sei del 2020. Con quella di stasera sono 124 le vincite con punti 6 realizzate dalla nascita del SuperEnalotto. Il 6 mancava dal 28 gennaio 2020 quando è stato vinto ad Arcola (SP) un Jackpot da 67,2 milioni di euro, il 14° montepremi più alto dei Jackpot SuperEnalotto assegnati. Ricordiamo anche la vincita record dopo oltre un anno in attesa avvenuta il 13 agosto 2019 quando furono vinti 209.160.441 euro a Lodi, al bar Marino di via Cavour 46.

loading...

Check Also

Siamo al nazismo! Docente sospeso un mese per aver detto esattamente la verità sulla vice del presidente Biden

Milano – E’ stato sospeso dall’insegnamento per un mese e rimarrà senza stipendio per questo stesso periodo di tempo Marco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *