Home / NEWS / Roma, la brutale esplosione di rabbia in piazza, impossibile fermarli. Premier Conte, senti qui: i cori segnano la sua fine

Roma, la brutale esplosione di rabbia in piazza, impossibile fermarli. Premier Conte, senti qui: i cori segnano la sua fine

Chi non vuole vedere cosa è accaduto in piazza del Popolo a Roma punta il dito contro gli “assembramenti”, accusa i leader politici di “incoscienza”, secondo Repubblica addirittura “giocano col destino”. Già, difficile mantenere il distanziamento in occasione della manifestazione del 2 giugno organizzata dal centrodestra e che ha riunito Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Antonio Tajani attorno a un enorme tricolore. Sarebbe stato un incontro riservato ai rappresentanti dei partiti, ma le persone hanno voluto partecipare. Hanno voluto lanciare un messaggio, fortissimo contro il governo. Nessuna bandiera di partito, soltanto una sfilata di tricolori e la richiesta di fare qualcosa e farlo davvero per ripartire dopo il dramma del coronavirus.

Insomma, quella piazza andrebbe anche letta, non solo accusata. La rabbia è tanta. Spesso incontenibile, come si vede in questo video. Già, perché tra i manifestanti, in modo spontaneo, ad un certo punto si sono levati cori e urla contro Giuseppe Conte, il presunto avvocato del popolo. Peccato che il popolo, dal premier, si senta tradito. “Conte, Conte vaff***“. E ancora, il coro: “Dimissioni, dimissioni”. I tre leader di centrodestra provavano a sedarli, a contenerli, quei cori. Non li avrebbero voluti. Ma la piazza non ha potuto fare a meno di intonarli. Un messaggio, chiarissimo, a Giuseppe Conte.

loading...

Check Also

‘Su 3000 morti analizzati “Con Covid-19” solo 136 sono morti di Covid-19, il 95% di altre patologie’ L’audizione alla Camera del professor Tarro che nessuno ti racconta

Nel 36% dei casi la vaccinazione antinfluenzale è un attivatore. Audizione del prof Giulio Tarro …

2 commenti

  1. Il messaggio è per l’EUNUCO Salvini e l’OCA Meloni:
    il Popolo ne ha abbastanza di questa opposizione all’acqua di rose, che non fa nulla,
    anzi questa manifestazione era di fatto una manifestazione A FAVORE DEL GOVERNO, infatti, “mantenevano le distanze” indossavano le inutili e dannose mascherine,
    ne l’Eunuco, ne l’Oca hanno dichiarato che il virus è morto, finito, non c’è più ed è ora di riaprire tutto e abolire tutta questa legislazione comunista-repressiva stupidamente autoritaria, come il “REATO DI ASSEMBRAMENTO” che è una roba degna di Stalin
    il governo ha DISTRUTTO l’ECONOMIA, ROVINATO gl’italiani, ma vuole mantenere la paranoia del virus per restare al potere
    inoltre
    l’Eunuco e l’Oca si sono indispettiti per i cori contro il governo (?!) non aggiungo altro e comunque il tanfo di doppiogioco, di falsa opposizione, di venduti… sta già salendo al naso di molti cittadini.

  2. Ma ce credi davvero a quello che scrivi?

Rispondi a Re Patàn Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *