Home / NEWS / Travaglio sta superando persino Emilio Fede: così anche oggi lecca il fondoschiena del ministro analfabeta che libera i mafiosi

Travaglio sta superando persino Emilio Fede: così anche oggi lecca il fondoschiena del ministro analfabeta che libera i mafiosi

Nella polemica tra Alfonso Bonafede e Nino Di Matteo, il Fatto quotidiano si è schierato con il ministro grillino della Giustizia. Un po’ come scegliere tra la mamma e il papà, visto che il pm antimafia è per anni stato il paladino di Marco Travaglio per aver sostenuto il teorema del Silvio Berlusconi mafioso. Poco male, perché la mamma è il Movimento 5 Stelle e al cuor non si comanda.

E così, dopo aver spalato fango su Massimo Gilettisolo per avers sollevato il caso delle scarcerazioni facili dei boss mafiosi, ecco  che il Fatto e Travaglio dedicano una prima pagina all'”eroe” Bonafede e al suo decreto-retromarcia. “La Fase 2 dei boss: tutti dentro”, recita trionfale il quotidiano manettaro, con le parole del ministro a caratteri cubitali. Che era, in fondo, la stessa cosa chiesta da Giletti a Non è l’Arena e nelle intenzioni di Di Matteo qualora fosse stato scelto alla guida del Dap. Ma l’importante, in certi casi è non sottilizzare e scordarsi il (recentissimo) passato.

loading...

Check Also

Morta a 17 anni in incidente: ma è stata uccisa dal fidanzato che ha simulato tutto

Era il 27 aprile del 2017 quando Gustavo Villarreal era alla guida della sua Fiat …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *