Home / NEWS / MENTRE CONTE FA LE DIRETTE QUI MI E’ GIA’ ARRIVATO UN BONIFICO DA 5000 EURO: il racconto di un italiano all’estero dimostra ancora una volta che siamo in mano a degli incapaci

MENTRE CONTE FA LE DIRETTE QUI MI E’ GIA’ ARRIVATO UN BONIFICO DA 5000 EURO: il racconto di un italiano all’estero dimostra ancora una volta che siamo in mano a degli incapaci

Raffaele Ricciardi per www.repubblica.it

Michele M. lavora in Germania, a Berlino: fa il montatore di video, uno dei tanti liberi professionisti che dall’Italia si è trasferito altrove. Nelle ore del bonus Inps da 600 euro, che ha fatto naufragare il sito dell’Istituto, la sua storia colpisce perché il sistema tedesco sembra reggere. La burocrazia amica, quella che racconta la comunità locale di artisti e freelance e che – nonostante qualche difficoltà iniziale – fa arrivare sul c/c degli interessati denaro sonante in pochissimi giorni.

“Sollecitato da un amico – racconta Michele – venerdì ho fatto l’accesso al portale per la richiesta delle indennità riservate da Berlino ai residenti della città. Ho così prenotato la possibilità di inserire la domanda”.

“Via e-mail, sono stato tenuto aggiornato sulla mia posizione in coda (una coda telematica) e domenica ho avuto il via libera: attraverso il portale della banca, ho inserito poche informazioni e autodichiarato di aver subìto delle perdite di clienti per il virus. Alle nove e mezza di sera avevo chiuso la richiesta. Martedì mi sono stati accreditati 5 mila euro”.

Come accaduto a Michele, racconta il portale artnet News, c’è un’intera comunità di free-lance – come la popolosa cricca di artisti e attività culturali di piccolo calibro – che sta incassando meravigliata questo beneficio.

Pur non essendo portato sempre come un esempio di perfezione, il sistema burocratico della capitale sta – in questi giorni – stupendo molti.

Anche lì, all’inizio, non è mancato un po’ di panico: racconta il portale che c’è stato un boom di accessi (60 mila in poche ore contro un conteggio annuo che oscilla tra 20 e 100 mila) e che la gente temeva di doversi prenotare per prima, per non perdere l’occasione di ricevere il sussidio.

Qualcuno ha rintracciato anche falle nella privacy, con scambi di profili che ricordano quanto visto da noi all’Inps. Sembra che tutto sia rientrato nel giro di poco tempo e alla fine la sensazione raccolta per la maggiore è lo stupore per aver avuto accesso così semplice a una procedura che nel giro di poche ore ha fatto arrivare i soldi sul conto corrente.

Al 31 marzo, ha spiegato al portale un portavoce del ministero della Cultura, risultavano già distribuiti 500 milioni attraverso il sistema che si appoggia alla banca locale Investitionsbank Berlin (Ibb).

Il programma berlinese permette di richiedere fino a 5 mila euro per i lavoratori autonomi e le Pmi fino a 5 dipendenti a tempo pieno. Ma a questo bonus si affianca il Fondo federale (nazionale) che aggiunge altri potenziali 9 mila euro, per un totale di 14 mila. Per le imprese tra 5 e 10 dipendenti, il conto sale direttamente a 15 mila euro di fondi federali. Sono altri 50 miliardi in gioco.

Per quel che riguarda le piccole imprese di taglia maggiore, il portale d’informazioni Berlin.de racconta di un fondo da 100 milioni già stanziato in favore della Ibb che gestisce le code telematiche, le richieste e gli accrediti.

Altri 100 milioni sono in arrivo per lavoratori e imprese, ma le domande già pervenute portano a quota 300 milioni di richieste e si è deciso allora per uno stop temporaneo. Le procedure ripartiranno il 6 aprile, unificate probabilmente a quelle federali.

loading...

Check Also

Lo riconoscete? Oggi è il politico più stimato del momento, ma pochi conoscono il suo lavoro da studente universitario

Luca Zaia è il leader politico più apprezzato dagli italiani per la gestione dell’emergenza coronavirus. L’ultimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *