Home / NEWS / HA BOCCIATO BERTOLASO PER METTERE UNO CON ZERO ESPERIENZA: ecco chi è l’uomo nominato da Conte Commissario per l’emergenza

HA BOCCIATO BERTOLASO PER METTERE UNO CON ZERO ESPERIENZA: ecco chi è l’uomo nominato da Conte Commissario per l’emergenza

Chi scelgono come super commissario ? Non un medico non un virologo 
Ecco qui un esperto di informatica…
Prima hanno deliberatamente scelto di non ascoltare il grido d’aiuto di studiosi come Burioni e dei Governatori della Lega sulla necessità di quarantena obbligatoria per chiunque arrivasse dalla Cina.
Hanno insistito per settimane nel dire che era “una semplice influenza”.
Poi hanno deciso di non ascoltare le richieste di stanziamento fondi per far fronte alla emergenza anche economica fatte da Salvini, che dichiarava inutili i 3,6 miliardi del Decreto e sono stati costretti a portarli prima a 5, poi a 10, ancora a 12, infine a 20 e forse 25.
Hanno ripetuto in continuazione che le mascherine erano “inutili se uno non era malato o assiste i malati” e ora ne raccomandano l’uso.
Hanno scritto Decreti incomprensibili o interpretabili in maniera opposta.
Hanno ritardato gli interventi di chiusura (e ancora non ci siamo) che invece hanno cambiato la situazione in Cina.
Poi, dopo i farlocchi appelli alla Unità nazionale, hanno deciso di NON NOMINARE BERTOLASO COMMISSARIO STRAORDINARIO PER L’EMERGENZA CORONAVIRUS “perché È UN SIMBOLO” e hanno scelto Domenico Arcuri.
Questo il suo curriculum…
NESSUNA esperienza in emergenze di alcun tipo.
Commissario AD Invitalia, quelli che dovevano salvare la Banca Popolare di Bari.

Perfetto no???

Una carriera di manager pubblico, passato dall’Iri ad Invitalia, che ora è il braccio operativo pubblico al quale il governo affida lo sviluppo degli investimenti e delle imprese. E’ questo il profilo di Domenico Arcuri, 49 anni, calabrese, recentemente confermato amministratore delegato di Invitalia, che guida dal 2007 del quale ha accompagnato la crescita.

Arcuri si è laureato in Economia e Commercio alla Luiss nel 1986 con una tesi sulla “Redditività economica e sociale degli investimenti pubblici nel Mezzogiorno”. Dallo stesso anno ha lavorato all’IRI nella direzione pianificazione e controllo dove si è occupato delle aziende del gruppo posizionate nei settori delle telecomunicazioni, dell’informatica e della radiotelevisione, poi dal 1991 in Pars, joint venture tra Arthur Andersen e GEC nel settore della consulenza ad alto contenuto tecnologico, dove nel 1994 è diventato Amministratore Delegato. Nel 2001 è partner responsabile “Telco, Media e technology” di Arthur Andersen, poi acquisita da Deloitte, della quale è poi diventato partner e, infine, amministratore delegato di Deloitte Consulting.

loading...

Check Also

Entra in casa e il ladro gli punta la pistola: tabaccaio spara e uccide pregiudicato romeno

Serata di sangue in provincia di Frosinone, dove un tabaccaio ha fatto fuoco uccidendo un uomo che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *