Home / CURIOSITA / “ENTRO IL 2020 DIVENTERA’ DI PRASSI INDOSSARE MASCHERINE CHIRURGICHE E GUANTI DI GOMMA, A CAUSA DI UN’EPIDEMIA” La profezia fu pubblicata nel 2008 da una sensitiva americana

“ENTRO IL 2020 DIVENTERA’ DI PRASSI INDOSSARE MASCHERINE CHIRURGICHE E GUANTI DI GOMMA, A CAUSA DI UN’EPIDEMIA” La profezia fu pubblicata nel 2008 da una sensitiva americana

Dopo la “profezia” dello scrittore Dean Koontz, che in “The eyes of darkness” parlava del virus “Wuhan-400” che avrebbe generato nel 2020 una grave epidemia di polmonite, in queste ore sta facendo molto discutere sui social un’altra “profezia”(piuttosto inquietante), quella della (sedicente) veggente Sylvia Browne.

Sylvia Browne, morta nel 2013 in California, era una sensitiva molto conosciuta negli Stati Uniti. Fondatrice di una chiesa sincretista in California, aveva partecipato come consulente di polizia ed FBI a centinaia di casi di sparizioni e omicidi (anche se, va detto, il suo contributo non si è mai rivelato determinante nelle indagini).

La Browne, che dichiarava di avere doti medianiche palesate fin da bambina, è anche autrice di decine di libri sul tema (molti dei quali tradotti e pubblicati anche in Italia). Ed è proprio in uno di questi libri, intitolato End of a days e pubblicato nel 2008 (esattamente a pagina 120 del testo originale in inglese), che si legge la profezia

“Entro il 2020 diventerà di prassi indossare in pubblico mascherine chirurgiche e guanti di gomma, a seguito di un’epidemia di una grave malattia simile alla polmonite che attaccherà sia i polmoni sia i canali bronchiali e che sarà refrattaria a ogni tipo di cura. Tale patologia sarà particolarmente sconcertante perché, dopo aver provocato un inverno di panico assoluto, sembrerà scomparire completamente per altri 10 anni, rendendo ancora più difficile scoprire la sua causa e la sua cura (…)”

loading...

Check Also

Auto ferma da giorni causa quarantena? Dalla batteria alle gomme ecco i 5 consigli fondamentali per proteggere il tuo veicolo

Se è vero che #iorestoacasa, è altrettanto certo che “lei resta parcheggiata”. Parliamo delle nostre auto, ovviamente, e in questa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *