Home / DIVERTIMENTO / GERRI SCOTTI, LA CLAMOROSA FIGURACCIA AL MILIONARIO! Il concorrente corregge gli autori: l’imperdonabile errore contenuto nella domanda

GERRI SCOTTI, LA CLAMOROSA FIGURACCIA AL MILIONARIO! Il concorrente corregge gli autori: l’imperdonabile errore contenuto nella domanda

Concorrente corregge la domanda di Chi vuol essere milionario? “Queste non sono metafore”

Alessandro ha bacchettato gli autori, sottolineando un loro errore nel quesito

“Quale di queste metafore animalesche non trae propriamente origine dal nome di un animale?”. La domanda è stata posta nel corso del quiz a premi “Chi vuol essere milionario?”, con disappunto del concorrente chiamato a rispondere al quesito. Alessandro ha bacchettato gli autori, sottolineando un loro errore. 

Come da prassi, quattro erano le risposte disponibili: testardo come un mulo, sano come un pesce, cieco come una talpa, piangere come un vitello. “Non si tratta di metafore”, ha spiegato Alessandro a Gerry Scotti. Le figure retoriche richiamate dagli autori sono infatti similitudini: come le metafore mettono a confronto due concetti, ma in questo caso viene utilizzato l’avverbio di paragone “come”. 

Il concorrente ha indovinato ugualmente la risposta da 30 mila euro –  la B, “piangere come un vitello” – ma si è poi arreso a quella da 70mila. È tornato a casa con un assegno da 20mila euro.

Per chi non lo sapesse, l’espressione “piangere come un vitello“, il figlio della mucca non c’entra niente col modo di dire, che ha origini antichissime. Infatti il detto indica, in realtà, la pianta della vite che, dopo la raccolta e la successiva potatura, prende il nome di “vitello”, e il pianto di cui si parla non è altro che la resina che gocciola per giorni nei punti in cui la pianta è stata recisa

loading...

Check Also

Una donna spesso riceve il suo amante in casa durante la giornata quando il marito è a lavorare, senza sapere che il figlioletto di 9 anni si nasconde nell’armadio

Una donna spesso riceve il suo amante in casa durante la giornata quando il marito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *