Home / NEWS / SARDINE, ENNESIMA VERGOGNA! Dove erano, insieme a Boldrini e Damilano, a prendere gli ordini di Soros, il miliardario ricercato da mezzo mondo

SARDINE, ENNESIMA VERGOGNA! Dove erano, insieme a Boldrini e Damilano, a prendere gli ordini di Soros, il miliardario ricercato da mezzo mondo

di Francesca Totolo per Il Primato nazionale
Laura Boldrini è stata l’ospite principale del “Forum nazionale ‘Crisi d’accoglienza’”, svoltosi a Roma l’8 e il 9 febbraio, organizzato dall’associazione “Cambiare l’ordine delle cose” presso i palazzi occupati dai movimenti della sinistra radicale, Spin Time e Esc Atelier, con pause pranzo cortesemente offerte dall’Osteria “esentasse” dello Spin Time. I temi trattati nei due giorni di incontri sono stati i principali punti forti della narrazione orwelliana di sinistra: “Aggressioni razziste, discorsi d’odio, smantellamento dei percorsi di inclusione, eliminazione della protezione umanitaria, accordi con la Libia e altri paesi non sicuri e la retorica della paura”. Al forum hanno preso parte anche le sardine rappresentate dall’esponente reggiano Youness Warhou, già molto attivo nelle fila del Partito Democratico.

Il movimento di Mattia Santori è la seconda volta che entra nello Spin Time e la terza che partecipa ad eventi organizzati in palazzi occupati dai centri sociali. Grazie agli incontri con Benetton e agli eventi organizzati nelle occupazioni rosse, sembra che le sardine siano diventate l’anello di congiunzione tra l’establishment e la manovalanza sul territorio che mancava alla sinistra. Oltre a Laura Boldrini al forum hanno partecipato Marco Damilano, direttore dell’Espresso in prima linea per lo sgombero del palazzo romano di CasaPound, Gianfranco Schiavone, vicepresidente della sorosiana AsgiElly Schlein, ex europarlamentare alleata affidabile” della Open Society Foundations e candidata più votata alle scorse elezioni regionali in Emilia-Romagna, Riccardo Magi, parlamentare di Più Europa, e gli espulsi dal Movimento 5 Stelle Elena FattoriPaola Nugnes e Gregorio de Falco.

“Cambiare l’ordine delle cose” secondo l’agenda Open Society

L’associazione organizzatrice del forum, “Cambiare l’ordine delle cose”, come è evidenziato sul sito internet, è finanziata dalla fondazione di George Soros.

Il precedente forum del marzo 2019 era stato allestito presso il Teatro Palladium di Roma, con il sostegno del centro sociale “La Strada”, fondato da Massimiliano Smeriglio, eurodeputato del Partito Democratico ed ex vicepresidente della Regione Lazio, e ora rappresentato istituzionalmente sul territorio dal presidente del Municipio VIII Amedeo Ciaccheri, che ha introdotto il secondo giorno di interventi. L’alleanza tra politici di spicco della sinistra parlamentare, il movimento “spontaneo e apartitico” delle sardine, i centri sociali e le associazioni finanziate dallo speculatore Soros sta diventando sempre più serrata, presumibilmente sul piede di guerre a causa dell’avanzata dei partiti sovranisti in Italia e nel resto d’Europa che stanno erodendo il potere consolidato dell’establishment.

loading...

Check Also

“Ne ho persi così tanti che non riesco più a rispondere al telefono” Coronavirus, il dramma vissuto da Roby Facchinetti

È disperato Roby Facchinetti, uno dei tanti abitanti di Bergamo che è rimasto sconvolto da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *