Home / NEWS / COSA È SUCCESSO ALL’ELICOTTERO DI KOBE BRYANT? Come spesso accade, il tragico schianto poteva essere evitato: in quelle ore non erano in volo neppure i mezzi della Polizia

COSA È SUCCESSO ALL’ELICOTTERO DI KOBE BRYANT? Come spesso accade, il tragico schianto poteva essere evitato: in quelle ore non erano in volo neppure i mezzi della Polizia

tratto da dagospia.com

L’elicottero sul quale viaggiavano Kobe Bryant, sua figlia Gianna e altre sette persone stava volando in condizioni metereologiche talmente avverse che la polizia locale aveva richiesto ai propri uomini di atterrare con i loro mezzi.

IL PILOTA AVEVA SCELTO DI VOLARE IN CONDIZIONI METEROLOGICHE PROIBITIVE E STAVA SEGUENDO LE REGOLE DEL VOLO A VISTA – DALLA TORRE DI CONTROLLO L’UOMO ERA STATO AVVISATO CHE IL MEZZO STAVA VOLANDO TROPPO BASSO E, POCO PRIMA DI PRECIPITARE, È SALITO IMPROVVISAMENTE DI QUOTA: ALLE LE 9.45 SI E’ SCHIANTATO CONTRO UNA COLLINA A 518 METRI D’ALTEZZA A QUASI 300 CHILOMETRI ORARI

L’elicottero di Bryant ha lasciato Santa Ana nella Contea di Orange, a sud di Los Angeles, poco dopo le 9: secondo il dipartimento di polizia di Los Angeles le condizioni non erano adatte al volo.

C’era un addensamento nuvoloso a 396 metri e una visibilità di circa 8 chilometri. Il pilota Ara Zobayan stava volando seguendo le regole del volo a vista, abbreviato in VFR, ovvero l’insieme di norme e procedure cui un pilota deve attenersi per condurre in sicurezza un volo utilizzando principalmente la propria vista, osservando il terreno sotto di lui.  

Intorno alle 9.20, l’elicottero ha girato in cerchio per circa 15 minuti a est dell’Interstate 5, vicino a Glendale. I controllori del traffico aereo avevano messo in attesa l’elicottero, prima di dargli il via a procedere verso nord lungo l’Interstate 5 attraverso lo spazio aereo di Burbank. A causa della scarsa visibilità, il pilota avrebbe potuto contattare i controllori del traffico aereo e richiedere di passare alle regole del volo strumentale (IFR), ovvero la serie di regolamenti e procedure ideate per consentire il volo degli aeromobili anche in condizioni nelle quali i piloti non sono in grado di vedere ed evitare ostacoli, il terreno o altri aeromobili in volo. Tuttavia, quando i piloti volano in IFR, i tempi di volo si allungano.

Probabilmente per questo motivo il pilota ha deciso di continuare a volare a vista e verso le 9.40 ha girato a ovest per seguire la US Route 101, la Ventura Highway. Verso le 9.44, l’elicottero ha nuovamente virato ed è salito improvvisamente di quota da circa 365 metri fino ai 609 metri.

il luogo dello schianto dell'elicottero di kobe bryant 1

In un audio registrato poco prima dello schianto, il pilota dell’elicottero dell’ex stella dei Lakers è stato informato da un controllore di volare “troppo basso” per essere monitorato dal radar. Alle 9.45, nel momento in cui è precipitato, l’elicottero si è schiantato contro una collina a 518 metri d’altezza. I dati del tracker mostrano che stavano volando a circa 298 km/h. Lo schianto è avvenuto nella località di Calabasas.

loading...

Check Also

‘E’ EVIDENTE CHE CONTE SAPEVA ED ERA D’ACCORDO’ Denuncia Open Arms contro Salvini, Gasparri tira fuori la prova regina contro il burattino di palazzo Chigi

Ci risiamo. Dopo la Gregoretti, in Giunta delle immunità del Senato arriva il caso della Open Arms. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *