Home / NEWS / NUOVA LEGGE ELETTORALE? COSI’ FESSI DA FAR TRIONFARE SOLO SALVINI: ecco le proiezioni tutte da godere

NUOVA LEGGE ELETTORALE? COSI’ FESSI DA FAR TRIONFARE SOLO SALVINI: ecco le proiezioni tutte da godere

Si sapeva che Pd e M5s sarebbero sconfitti dal centrodestra qualora si votasse con un sistema maggioritario, ma la novità è che verrebbero battuti anche con una legge proporzionale, quella che Pd e M5s stanno cercando di cucirsi. Lo scrive il Giornale in edicola mercoledì 15 maggio. Si tratta delGermanicum/Brescellum, ultimo ircocervo elettorale partorito nel dipartimento di scienze politiche del M5s, laboratorio di matematici e politologi dell’ ultima ora. L’ ultimo sistema che dovrebbe scompaginare le regole del gioco porta la firma del deputato Giuseppe Brescia di professione educatore, ma da poche settimane nuovo esperto di algoritmi elettorali in sostituzione di Danilo Toninelli, noto docente dei 5s troppo presto rimosso dall’ incarico. Presentato da Brescia il 9 gennaio, il Germanicum è nuovo di nome, ma antico nella sostanza. È la legge della Prima repubblica, dell’ instabilità come destino: una legge proporzionale con una soglia di sbarramento del cinque per cento, un diritto di tribuna per chi non raggiunge questa quota.

Secondo il report, ricco di cifre e dettagli e che tiene conto del taglio dei parlamentari, dunque 400 seggi alla Camera e 200 al Senato (esclusi i seggi di Valle d’ Aosta e circoscrizioni Estero), il centrodestra unito otterrebbe una maggioranza solida: 222 seggi alla Camera e 112 al Senato. Ridimensionate finirebbero per essere le attuali forze di governo. Il Pd raggiungerebbe alla Camera 86 deputati mentre il M5s ancora meno: 76. Al Senato, i democratici si fermano a 43 seggi, il M5s a 37. Più articolato sarebbe il futuro di Italia Viva, partito di Matteo Renzi che si sta battendo per far abbassare la soglia di sbarramento dal 5% al 4% e che eleggerebbe pochissimi deputati e senatori solo in virtù di un complesso meccanismo.  La maggioranza, in versione Germanicum, sarebbe quindi composta alla Camera dalla Lega (143 seggi), Forza Italia (30), Fdi (49) mentre al Senato sarebbero 72 i senatori leghisti, 16 quelli forzisti e 24 quelli al seguito di Giorgia Meloni. 

loading...

Check Also

“Ne ho persi così tanti che non riesco più a rispondere al telefono” Coronavirus, il dramma vissuto da Roby Facchinetti

È disperato Roby Facchinetti, uno dei tanti abitanti di Bergamo che è rimasto sconvolto da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *