Home / NEWS / IN SOLE 24 ORE SON RIUSCITI A REGALARE LA LIBIA A PUTIN: il capolavoro di Conte e Di Maio che nessuno ti racconta

IN SOLE 24 ORE SON RIUSCITI A REGALARE LA LIBIA A PUTIN: il capolavoro di Conte e Di Maio che nessuno ti racconta

di Max Ferrari (giornalista esperto di politiche internazionali – tratto da Facebook)

Agile riassunto della figura di merda mondiale di Giggino e Peppino (con regia di Rocco del Grande Fratello) e del danno irreparabile fatto in 24 ore all’Italia.
Prefazione: isolati dal mondo che non si fida di loro, Giggino Volpe del Deserto e Peppino l’Africano pensano ad un colpo di teatro per levare la scena a Trump e Putin e cosa fanno:
1) Giggino, indesiderato, dopo mille suppliche riesce a infilarsi al vertice del Cairo dove egiziani, francesi, greci e ciprioti stileranno un duro documento contro la presenza militare turca in Libia e contro l’illegale spartizione di un bel pezzo di Mediterraneo tra i tripolini e i turchi. Sarebbe anche nell’interesse italiano che in Libia rischia di perdere tutto, ma Giggino d’Egitto, dopo essersi imbucato, pensa bene di fare il doppio gioco e prima di andare al Cairo va a Istanbul a baciare la pantofola al Sultano, poi va in Egitto e si rifiuta di firmare il documento con gli altri 4 paesi perché secondo lui è troppo duro coi turchi e il loro protetto Serraj. Prima figura di cacca e primo danno.
2) Sicuri di aver fatto la furbata, Giggino e Peppino annunciano al mondo che, grazie a loro, i nemici Serraj e Haftar nel pomeriggio si vedranno a Roma e faranno la pace, o quasi. Peccato che proprio Serraj, non avvisato della sceneggiata, li mandi a quel paese e rifiuti di presentarsi a Roma. Seconda figura di cacca mondiale.
3) Mentre Totò e Peppino affondano l’Italia nel ridicolo, Putin e Erdogan annunciano il cessate il fuoco in Libia dal 12 e sostanzialmente si dividono il Paese, che poi sarà ulteriormente suddiviso in sfere d’influenza coi rispettivi alleati. Unici totalmente assenti gli italiani!!!
4) Mentre Giggino vaga tra le piramidi cercando di capire la differenza tra la presunta avaria del Boeing e l’aviaria nella amata Cina comunista, Erdogan annuncia che d’ora in poi ogni progetto nel Mediterraneo dovrà avere l’OK turco. Totale disfatta italiana e irrilevanza in Nord Africa e nell’Egeo. Decenni di sforzi e lavoro italiano gettati nel cesso in 24 ore. Ma Giggino oggi è in Algeria e sorride tutto fiero. Tanto pagano gli italiani.

loading...

Check Also

“Ne ho persi così tanti che non riesco più a rispondere al telefono” Coronavirus, il dramma vissuto da Roby Facchinetti

È disperato Roby Facchinetti, uno dei tanti abitanti di Bergamo che è rimasto sconvolto da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *