Home / NEWS / OMICIDIO LUCA SACCHI, LA FACCIA TOSTA DELLA FIDANZATA: quella sceneggiata in caserma per provare a confondere gli investigatori

OMICIDIO LUCA SACCHI, LA FACCIA TOSTA DELLA FIDANZATA: quella sceneggiata in caserma per provare a confondere gli investigatori

“Ultimo colpo di teatro”. Anastasiya Kylemnyk, la 25enne ucraina fidanzata di Luca Sacchi è indagata per spaccio di droga e coinvolta nelle indagini per il brutale omicidio del personal trainer romano, avvenuto il 24 ottobre scorso nella Capitale ad opera di due spacciatori. Prelevata nella sua abitazione e accompagnata in caserma, la ragazza ha incrociato Giovanni Princi, amico di Luca arrestato a sua volta e considerato il “regista occulto” della compravendita di droga che ha portato alla morte di Sacchi, forse ignaro del traffico. 

Quando Anastasiya si trova a pochi passi da Princi, stando a quanto riporta il Messaggero, cerca di aggredirlo fisicamente per poi insultarlo: “Sei un maledetto, è tutta quanta colpa tua”. Gli inquirenti, però, descrivono l’ucraina come “fredda e professionale” sul traffico di droga e più interessata a coprire qualche suo aggancio piuttosto che ad aiutare i carabinieri nel risolvere il caso dell’omicidio di Luca. Una “scelta spietata”, così scrivono nelle carte della Procura, in cui la sceneggiata con Princi potrebbe solo essere una messinscena, tentativo estremo di scaricare colpe.

loading...

Check Also

“Non so nemmeno chi sei” Un Cacciari strepitoso così liquida come merita il pennivendolo che pretende di fargli la lezioncina

Da liberoquotidiano.it Massimo Cacciari contro Stefano Feltri, direttore de Il Domani. Terreno di scontro Otto e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *