Home / NEWS / TERREMOTO VIOLENTISSIMO A DUE PASSI DALL’ITALIA: avvertito in Puglia, Basilicata, Campania e Abruzzo

TERREMOTO VIOLENTISSIMO A DUE PASSI DALL’ITALIA: avvertito in Puglia, Basilicata, Campania e Abruzzo

Case e palazzi crollati, dispersi, 150 feriti, persone sotto le macerie. Popolazione in strada anche a Tirana. Sisma avvertito anche in Puglia, Basilicata, Campania e Abruzzo

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.5 ha colpito alle 2,54 ora locale (le 3,54 in Italia) la costa settentrionale dell’Albania, vicino a Durazzo. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) italiano e del servizio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro a circa dieci chilometri di profondità ed epicentro tra Shijak e Durazzo. Almeno sei persone hanno perso la vita. Nella capitale, Tirana, la gente è scesa in strada in preda al panico, a Durazzo e Thunama crollati case e palazzi, dispersi, 150 feriti, persone sotto le macerie.

Unità dell’esercito e della protezione civile sono al lavoro tra le macerie di un palazzo a Durazzo e di altri tre a Thumana, dove sono stati tratti in salvo per ora due bambini. A Kurbin un uomo è morto invece dopo essersi gettato dal balcone per tentare di mettersi in salvo.

 “E’ stata una scossa forte e lunga, si muoveva tutto. In preda alla paura e al panico siamo corsi in strada”. Questo il racconto di Aida, italiana di origine albanese, da Tirana. “Qui fortunatamente non ci sono stati danni importanti a differenza di Durazzo e dei paesi vicini dove ci sono stati diversi crolli”, aggiunge. “Noi siamo al primo piano – racconta Aida che in questi giorni si trova nella capitale albanese in visita alla sua famiglia – e appena sentita la scossa abbiamo preso i miei nipoti di due e sette mesi e siamo andati in strada. E qui restiamo al momento perché le repliche, seppur più brevi e meno intense, continuano”.

loading...

Check Also

Morte Viviana Parisi, terminata l’autopsia: il risultato purtroppo non lascia indicazioni utili agli investigatori

(ANSA) L’autopsia, cominciata dopo le 18 nell’obitorio dell’ospedale Papardo di Messina, ha visto la partecipazione anche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *