Home / Uncategorized / LA FECCIA ROSSA NON CONOSCE LA VERGOGNA! Così pretendono di tappare la bocca a chi osa criticarli sui social

LA FECCIA ROSSA NON CONOSCE LA VERGOGNA! Così pretendono di tappare la bocca a chi osa criticarli sui social

Dopo il blitz sulla Sea Watch 3 dei parlamentari della sinistra, il Pd schiera una “task force” per raccogliere insulti e minacce arrivate sui social: “Pronte querele e azioni civili”. Nel mirino anche Belpietro

Non tanto l’eventuale indagine dei pm – come successo in altri blitz simili in passato – quanto il “giudizio”, non sempre benevolo, degli italiani.

Così, mentre Graziano DelrioMatteo Orfini e Davide Faraone si imbarcavano con la Ong tedesca davanti alla costa di Lampedusa, il Partito democratico siciliano preparava una task force anti haters, un gruppo di persone incaricato di scandagliare i social alla ricerca di commenti negativi e messaggi privati contenenti insulti, offese e minacce. Tutti i messaggi sono stati raccolti in un fascicolo ora al vaglio dei legali. Che finora hanno già elaborato 16 querele contro persone individuate, 46 nei confronti di profili anonimi, 5 giudizi civili ordinari, 4 giudizi civili sommari.

“Abbiamo recuperato sulla rete materiale certamente penalmente rilevante, ma anche e soprattutto in grado di consentire azioni civili di risarcimento danni ai sensi dell’articolo 2043 del Codice Civile”, hanno spiegato, “Ci siamo orientati a presentare denunce-querele per i post diffamatori riferibili a profili anonimi e/o falsi in modo che la polizia postale possa risalire ai responsabili e/o al server che genera automaticamente profili falsi ed inesistenti. Nei casi in cui viene individuato l’autore, si è deciso di procede mediante azione civile”.

Tra le persone nel mirino è finito pure Maurizio Belpietro – scelto “per il giudizio del senatore e segretario del Pd Sicilia, Davide Faraone” – per l’articolo del 30 giugno intitolato “La ritirata dei disonorevoli. Via i pirati Pd dal Parlamento”.

Il nostro obiettivo è quello di ripulire i social da troll, haters, fake news e gente in carne ed ossa che minaccia, insulta, offende“, sostiene Faraone, “Siamo solo all’inizio e credo che tutto ciò possa servire a rendere la Rete più civile. Tutte le somme che dalle nostre denunce-querele riusciremo a racimolare le destineremo ad un fondo ad hoc che servirà a sostenere le associazioni di volontariato, i centri per disabili, quelli antiviolenza, e le associazioni che operano nelle periferie“.

loading...

Check Also

MALTA, FREGATI COME DEI POLLI! Dovremo prenderci il doppio di quelli arrivati

La redistribuzione degli immigrati pensata al summit di Malta penalizzerebbe solo l’Italia: ecco dove si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *