Home / NEWS / Bombe molotov e cariche contro la Polizia: così i nazisti rossi a Firenze hanno provato a irrompere nella piazza dove teneva il comizio Salvini

Bombe molotov e cariche contro la Polizia: così i nazisti rossi a Firenze hanno provato a irrompere nella piazza dove teneva il comizio Salvini

Domenica 19 maggio almeno 2 mila persone a Firenze hanno contestato il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che si trovava in città per un comizio elettorale. Salvini avrebbe dovuto iniziare a parlare alle ore 21.00 in Piazza Strozzi per concludere la campagna elettorale in vista delle elezioni europee, ma a circa 50 metri, in Piazza della Repubbblica, centinaia di manifestanti si sono radunati e alcuni di loro hanno tentato di forzare l’accesso per arrivare al luogo del comizio, sfondando il cordone di polizia. Gli agenti, con scudi e manganelli, hanno caricato i manifestanti quattro volte per riprendere il controllo della situazione. L’intervento di Salvini è stato a quel punto ritardato.

La manifestazione di protesta era stata organizzata da Iam (Iniziativa antagonista metropolitana), Cua (Collettivo universitario autonomo), Cas (Collettivo antagonista studentesco) e dal Collettivo femministe Spine. I e le manifestanti hanno cantato “Bella ciao”, hanno gridato cori contro Salvini e mostrato vari cartelli di contestazione.

loading...

Check Also

Green Pass, siamo alla fase due. Invece di abolirlo si studia come inserire personalizzarlo sempre più. Alla faccia di chi non credeva nel ceto utilizzo del lasciapassare

Mentre arriva il super passaporto verde, si moltiplicano controlli e sanzioni. Azienda londinese deposita un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *