Home / NEWS / KYENGE NON CONOSCE LA VERGOGNA: L’INFAME SPUTO SUGLI ITALIANI

KYENGE NON CONOSCE LA VERGOGNA: L’INFAME SPUTO SUGLI ITALIANI

Si sentiva la mancanza della Kyenge? Veramente no. Ma a dispetto di nostalgie non pervenute, l’eurodeputata (al femminile, rigorosamente, salvo illazione sessista), coglie l’assist del “caso Supercoppa italiana” per il consueto attacco: “Non capisco Salvini, non sono d’accordo con lui: non basta dire ‘io alla partita non ci vado’, non abbiamo bisogno di spot. Non è che non ha delle responsabilità, ha un ruolo decisionale, faccia annullare il regolamento per rispettare dei diritti fondamentali”. Questo, quanto dichiarato ad Adnkronos.

Nulla è l’ipocrisia femminista: omertosa, in questo caso, per ragioni evidentemente “geografiche”. Che il divieto all’accesso delle donne, sugli spalti, sia davvero il minore dei problemi, è realtà incontrovertibile. Paesi come l’Arabia Saudita, di certo non eccellono quanto a rispetto del mondo femminile. Ma, appunto, l’assist è millimetrico (alla Luisito Suarez, per intendersi): quindi, la “finalizzatrice Kyenge” non poteva che concludere l’affondo: “Io sto senza se e senza ma con i sindaci che stanno facendo la disobbedienza civile. Noi uomini e donne delle istituzioni – in riferimento al Decreto sicurezza – dobbiamo costruire una corazza di diritti, non certo di ferro, che metta al riparo dalle discriminazioni e dalle atrocità”. Ma c’è di più: la Kyenge ribadisce il suo “disamore” (oppure odio?) verso il nostro Paese: “Vedo solo il principio ‘prima di tutti gli italiani’”. Dimostrazione, ennesima, di quanto Cecile Kyenge ed i suoi amici non siano “disobbedienti”: bensì, anti-italiani. L’assist, l’avrà pure finalizzato (ricordando della sua esistenza): ma la partita, è quella sbagliata. Per lei, del resto, una consuetudine.

loading...

Check Also

“Bisogna essere dei criminali” Quando il medico dice la verità su quanto sta accadendo perché pensa che la telecamera sia spenta

Il clima di terrore nel quale viviamo da oramai due anni è ben rappresentato da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *