Home / NEWS / Navi pirata, siamo a quota tre! Anche la Open Arms fuori dalle balle: l’ordine da Roma è chiaro e preciso

Navi pirata, siamo a quota tre! Anche la Open Arms fuori dalle balle: l’ordine da Roma è chiaro e preciso

Nuovo fronte del governo contro le Ong. Open Arms: “Ci negano l’accesso in acque territoriali”. A bordo nessun immigrato

Continua la battaglia del governo italiano contro le Ong che operano nel Mediterraneo. Mentre è in corso il consiglio europeo con al centro proprio il tema migranti, in alto mare la nave di Open Arms, organizzazione non governativa spagnola, ha chiesto il permesso a Malta e all’Italia di entrare in acque territoriali.

Ma, stando a quanto riferisce la stessa Ong in un twet, non le sarebbe stato autorizzato l’ingresso.

“L’Italia e Malta – si legge nel cinguettio di Open Arms – negano l’accesso alle loro acque alla nave Open Arms. La nave umanitaria ha salvato più di 5 mila vite in un anno sotto il coordinamento della Guardia costiera ed è stata assolta dalla magistratura italiana e ha un equipaggio europeo, come la sua bandiera”.

Non è (ormai) una novità che le navi umanitarie non trovino molta accoglienza nel Belpaese o a La Valletta. È successo all’Aquarius, finita poi a Valencia a sbarcare gli oltre 600 migranti che aveva a bordo. Ed è successo anche alla Lifeline, infine approdata a Malta (tra polemiche e dito medio) ma solo dopo un accordo tra i Paesi Ue che si spartiranno gli immigrati trasportati dal natante umanitario. Ma questa volta il negato accesso alle acque territoriali è arrivato ad una nave che, attualmente, non ha profughi a bordo. Ma solo l’equipaggio.

loading...

Check Also

Vaccino, anche oggi è scappato il morto! Aveva 54 anni e avrebbe dovuto sposarsi venerdì

Alessandro Cocco è morto oggi al Policlinico di Bari a causa di una trombosi cerebrale. L’uomo, 54 anni, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *