Home / BENESSERE / Sei un consumatore abituale di oki? Da oggi potresti cambiare abitudine, ecco tutte le verita che ci vengono nascoste sul farmaco

Sei un consumatore abituale di oki? Da oggi potresti cambiare abitudine, ecco tutte le verita che ci vengono nascoste sul farmaco

È un farmaco, un antidolorifico: in casa lo abbiamo tutti, lì nel cassetto dei medicinali di mamma e papà. Ma anche se non ci fosse, è semplicissimo procurarselo, dato che l’Oki si trova facilmente in commercio sia in farmacia sia nei mercati paralleli degli adolescenti. E sono proprio loro a essere diventati consumatori, a volte anche abituali, di questo medicinale, che viene ‘sniffato’, per procurarsi un po’ di sballo. “Sempre più giovani mi confermano l’abitudine ad usare questi medicinali come sostituti a buon mercato di droghe, seguendo un trend diffuso negli Usa”, spiega Enrico Comi, esperto di prevenzione, che gira per le scuole a informare i ragazzi sui rischi che si corrono. Ma davvero i ragazzi sniffano Oki?

“Recentemente aveva fatto scalpore la notizia di una scuola di Martellago, in provincia di Venezia, dove alcuni studenti erano stati colti in flagranza a ‘sniffare’ l’Oki. Ma non si tratta di un episodio isolato, perché nella vicina scuola media ragazzini poco più che 12enni hanno confermato questa “moda”. Anche dalla Puglia arrivano conferme, con segnalazioni da parte di genitori, che hanno scoperto che le bustine di antidolorifico custodite in casa erano sparite. Stesse preoccupanti segnalazioni dalla provincia di Milano in cui, pare, questa nuova tendenza è diffusissima: solo un anno fa, quando ne parlavo coi ragazzi delle scuole dove faccio prevenzione, mi sentivo rispondere che ne avevano sentito solo accennare”.

“Ora, invece, mi confermano di conoscere molto bene questa nuova frontiera dello sniffo. Ormai i ragazzi si accontentano di qualsiasi cosa trovino in circolazione: se trovano la marijuana fumano quella, se c’è cocaina a disposizione ne assumono, altrimenti si accontentano delle bustine di Oki. Non esiste più una droga prevalente, si adattano a qualunque sostanza sia reperibile e si abituano a un po’ di tutto. Lo sballo da Oki mi raccontano che dura poco, dà un po’ di ebrezza, ma niente di più.”

loading...

Check Also

Doveva salvare gli anziani, sta ammazzando i giovani: il rapporto pubblicato da Bruxelles fa venire i brividi

di Paolo Becchi e Giovanni Zibordi per il blog di Nicola Porro Milena Gabanelli sul Corriere ha riassunto l’ultimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *