Home / GOSSIP / Anna Mazzamauro riempita di mazzate? dopo le accuse Brignano sbrocca: “Adesso vi mostro questo…”

Anna Mazzamauro riempita di mazzate? dopo le accuse Brignano sbrocca: “Adesso vi mostro questo…”

Enrico Brignano rompe il silenzio. “Sto vivendo un incubo”. Tutto parte dalle dichiarazioni di Anna Mazzamauro. L’ attrice ha raccontato al Messaggero di essere stata picchiata durante la lavorazione del film di Fausto Brizzi, Poveri ma ricchissimi. Lei ha spiegato che un cazzotto le ha lesionato un timpano. Non fa il nome del picchiatore, ma tanti sospetti si sono indirizzati proprio a Brignano perché lei, in un’intervista, si è rifiutata di parlare del collega chiedendo al giornalista di non toccare l’argomento. Cosa che aveva fatto non poco insospettire.

Brignano non ci sta ad essere indicato come colpevole. “È una fake news”, tuona Brignano in un’intervista al Fatto Quotidiano. “Sono costretto a far vedere il filmato che dimostra che questa signora sta mentendo”. Il video ci sarebbe veramente: si tratta del decimo ciak di una stessa scena, girata “intorno alle 20 di una giornata caldissima e lunghissima” spiega Brignano che ammette di essere furioso “con tutt” forse anche con “la produzione già alle prese con le accuse contro Brizzi avrebbe dovuto gestire meglio questa situazione”. “Da quattro giorni sto cercando di contattare la Mazzamauro”, prosegue l’attore, che nei giorni scorsi si era espresso anche contro Asia Argento.

“Non c’ è stata nessuna violenza, nessun referto medico, degenza, denuncia ai carabinieri che dimostri questa violenza. Mancano le prove. Una donna senza timpano può continuare a girare un film? Il giorno dopo è tornata sul set”.

loading...

Check Also

“In vita mia ho visto tanti di quegli uccelli…” De Blanck a ruota libera, è lei la vera regina della tv spazzatura

Bagno sexy per Pier Paolo Petrelli, super muscoloso e simpaticissimo. L’ex velino di Striscia la notizia , nella casa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *