Home / NEWS / “E’ stato il suo ultimo discorso….” Napolitano e quella voce che girava ieri in Senato. Vuoi vedere che…?

“E’ stato il suo ultimo discorso….” Napolitano e quella voce che girava ieri in Senato. Vuoi vedere che…?

“Napolitano al suo ultimo discorso”, la sentenza del senatore a vita Sergio Zavoli

L’intervento di Giorgio Napolitano prima dei cinque voti di fiducia sul Rosatellum potrebbe rappresentare un momento irripetibile. L’ex presidente ha strappato qualche applauso dai bersaniani quando ha criticato la legge elettorale che si andava ad approvare, qualche altro dai banchi del Pd quando poi ha annunciato il voto di fiducia per oggi. Sullo sfondo agitava le mani in stile fochesco la grillina Lezzi, ma solo per sfottò a Re Giorgio. Quel discorso fatto da seduto, con i caratteri dei fogli scritti in formato enorme e la voce che avanzava sempre più stanca potrebbe segnare un unicum nella carriera di Napolitano arrivato a quota 92 anni, anzi secondo un commosso Sergio Zavoli: “È stato l’ultimo grande discorso di Napolitano“.

Sul “grande discorso” abbiamo forti dubbi. Ascoltate come viene demolito il paracarro in aula subito dopo (video)

loading...

Check Also

Clandestini, una Iva Zanicchi fuori dal coro politicamente corretto

“Porte aperte ai migranti? Giusto, per carità: se uno ha fame, bisogna aiutarlo, ma bisogna …

Un commento

  1. QUESTA LEGGE IL PRESIDENTE MATTARELLA NON LA DOVRA’ FIRMARE, PERCHE’ E’ STATO LUI QUANDO STAVA ALLA CONSULTA A DIRE CHE IL PORCELLUM ERA INCOSTITUZIONALE, QUESTA E’ PEGGIO, QUESTA E’ DITTATURA, NOI NON SERVIAMO PIU’ A NULLA, NEMMENO IN KOREA DEL NORD O IN VENEZUELA ESISTE UNA LEGGE COSI’ TRUFFALDINA. NOI CITTADINI CI SENTIAMO PRESI PER IL CULO……. E ME LA PRENDO CON SALVINI (CHE NON VOTERO’ PIU’) PERCHE’ QUELLO CHE HA FATTO AVEVA UN SENSO SE L’AVESSE FATTO 2 ANNI FA’, PER ANDARE AL VOTO SI, MA DUE ANNO FA’ NON ADESSO CHE MANCANO POCHI MESI…..CHE SENSO HA? ME LO SPIEGASSE SALVINI E LO SPIEGASSE QUANDO VA’ IN GIRO A PRENDERE PER IL CULO GLI ITALIANI, COME FA’ RENZI,,,TALE E QUALE. PRENDERE PER IL CULO GLI ITALIANI/E E BASTA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *