Home / NEWS / Ecco l’uomo che ha denunciato la Boldrini ed ha ottenuto che il Tribunale aprisse un fascicolo contro la “Presidenta”

Ecco l’uomo che ha denunciato la Boldrini ed ha ottenuto che il Tribunale aprisse un fascicolo contro la “Presidenta”

tratto da Liberoquotidiano.it

Si chiama Niki Dragonetti ed è l’imprenditore che ha presentato un esposto, accolto, contro Laura Boldrini. Tutto per colpa di un tweet anti-italiano che per Dragonetti è un “attentato alla Costituzione”. E, intervistato da Il Tempo, l’imprenditore spiega le sue ragioni: “Ho consegnato una querela nella quale si chiedeva alla magistratura di procedere nei confronti della signora Boldrini per il reato di attentato alla Carta Costituzionale. La stessa – continua – in un post pubblicato sul suo profilo Twitter invitava gli italiani a cedere la loro Sovranità”. Dragonetti spiega che “come cittadino e come imprenditore sono stanco di ascoltare quotidianamente attacchi gratuiti agli italiani da chi invece dovrebbe difenderci e aiutarci”.

Quando gli chiedono se è solo alla ricerca di visibilità, risponde: “Io agisco come cittadino orgogliosamente italiano“. E ora, cosa potrebbe accadere? “In primis – rimarca Dragonetti -, sono riuscito con la mia battaglia a sensibilizzare migliaia di italiani che in queste ore mi stanno scrivendo”. E poi, continua, “confido nella legge e nella magistratura affinché il messaggio che la presidente voleva far passare, non venga recepito”. Infine, quando gli chiedano se “attentato alla Costituzione” non è più una provocazione che un capo d’imputazione, ribatte: “Non credo”. “Come cittadino italiano ho il diritto di evidenziare e nel caso denunciare chi dimentica con quanti sacrifici i nostri pardi fondatori hanno dato vita alla Costituzione italiana”.

 

ISCRIVITI ALLA NUOVA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI) 

loading...

Check Also

Berlusconi è in gravi condizioni: dal San Raffaele trapela grande preoccupazione

“Altro che scusa per i processi, all’ospedale San Raffaele Silvio Berlusconi sta vivendo la partita …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *