Home / NEWS / RICORDATE CESARE RAGAZZI E LE SUE PUBBLICITA’ SUI CAPELLI FINTI? HA FATTO UNA BRUTTA FINE. ECCO COSA HA COMBINATO

RICORDATE CESARE RAGAZZI E LE SUE PUBBLICITA’ SUI CAPELLI FINTI? HA FATTO UNA BRUTTA FINE. ECCO COSA HA COMBINATO

Bancarotta dell’ex «re dei capelli» Cesare Ragazzi patteggia 2,8 anni

Il Gup del tribunale di Bologna, Alberto Gamberini, ha concesso il patteggiamento a Cesare Ragazzi (2,8 anni) e alla figlia Alessia (2 anni) per il crac da 1,7 milioni di euro avvenuto nel 2009. Patteggia anche un ex consigliere delegato a due anni

di Alessio Ribaudo per Corriere.it

Per oltre due decenni i suoi spot sono stati fra i più famosi in Italia e simbolo della lotta alla calvizie. Adesso, l’ex «re dei capelli» Cesare Ragazzi ha patteggiato una pena di due anni e otto mesi di reclusione per bancarotta fraudolenta. Il Gup del tribunale di Bologna Alberto Gamberini, dopo l’inchiesta condotta dal pubblico ministero Morena Plazzi, ha concesso il patteggiamento a due anni anche ad Alessia Ragazzi, figlia di Cesare, e a un altro imputato che per un periodo aveva ricoperto la carica di consigliere delegato. Sono stati invece tutti assolti i sei componenti, in diversi momenti, del collegio sindacale.

 

Il crac e l’inchiesta

Il crac da 1,7 milioni di euro era avvenuto nel 2009 e i reati contestati si riferivano agli anni tra il 2002 e il 2008, quando Ragazzi, difeso dagli avvocati Gianluigi Lebro e Jader Ritrovato, aveva rivestito le cariche di presidente, amministratore unico e amministratore di fatto. L’accusa riguardava tra l’altro il meccanismo di «progressivo svuotamento del patrimonio societario» a favore di altre società, con omissioni delle annotazioni necessarie nel redigere i bilanci e le comunicazioni previste dalla legge, e poi operazioni contabili descritte come giroconti, quando si trattava invece di operazioni finanziarie tra le varie società della famiglia. Beni della società sarebbero poi stati distratti e dissipati, con l’accordo di «ingentissimi finanziamenti al di fuori di ogni criterio di utile gestione dell’impresa a favore di società direttamente o indirettamente riconducibili ad alcuni membri della famiglia Ragazzi», finanziamenti per i quali «non effettuavano alcun tentativo di recupero delle somme prestate, nonostante la già palese condizione di insolvenza della Cesare Ragazzi».

 

ISCRIVITI ALLA NUOVA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI) 

loading...

Check Also

Morto da eroe per salvare due giovani stro*zi: così i ragazzini salvati sputano sul soccorritore morto per loro

IL RAGAZZINO SALVATO SPUTA SUL SUO SOCCORRITORE Dall’articolo di Berté-Palazzolo per ”la Repubblica” La prima cosa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *