Home / NEWS / HA “OSATO” CHIEDERE IL BIGLIETTO: COSI’ QUESTA CONTROLLORA E’ STATA MASSACRATA DA UNA BANDA DI “RISORSE”

HA “OSATO” CHIEDERE IL BIGLIETTO: COSI’ QUESTA CONTROLLORA E’ STATA MASSACRATA DA UNA BANDA DI “RISORSE”

Un gruppo di nigeriani ha aggredito e molestato sessualmente la capotreno alla Stazione marittima di Porto Torres. La donna, dopo l’assalto degli immigrati, è andata al Pronto soccorso di Sassari dove si trova in stato di choc e sotto osservazione.

Il fatto, riporta Corriere.it, è avvenuto questa mattina 15 luglio sul treno in partenza dalla stazione marittima con destinazione Sassari, durante un controllo biglietti. I nigeriani sono stati identificati dalla polizia ferroviaria ma al momento non ci sono fermi.

La donna stava controllando i biglietti ma il gruppo di immigrati ne era sprovvisto. A quel punto i ragazzi l’hanno aggredita fisicamente e palpeggiata. “Non si può continuare così, con i lavoratori dei trasporti in balia dei violenti – dichiara Antonio Piras, segretario generale Fit Cisl – Ormai registriamo un episodio di violenza al giorno e le lavoratrici e i lavoratori non possono essere lasciati soli. Chiediamo a Protezione aziendale di Trenitalia un incontro urgente per valutare ulteriori azioni e iniziative da mettere in campo per meglio tutelare l’incolumità fisica del personale di front-line”.

 

ISCRIVITI ALLA NUOVA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI) 

loading...

Check Also

Mangia un piatto di gamberi e muore a 27 anni. Lascia il figlio di 8 mesi e il marito

Refka Didri, di origine tunisina, lavorava al ristorante stellato  “I pupi” di Bagheria. Il medico: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *