Home / NEWS / BIMBA DI 1 ANNO TROVATA SOLA IN AUTO SOTTO AL SOLE, POI L’INCREDIBILE SCOPERTA

BIMBA DI 1 ANNO TROVATA SOLA IN AUTO SOTTO AL SOLE, POI L’INCREDIBILE SCOPERTA

Una bimba di appena un anno è stata lasciata in auto per tre ore in un parcheggio vicino la stazione metropolitana di Bisceglie, nel capoluogo lombardo: è riuscita a salvarsi grazie all’allarme dato dai passanti, e al pronto intervento di un poliziotto.

Ancora una volta la cronaca di questi giorni riporta l’ennesimo caso di neonato dimenticato da un genitore in auto per diverse ore. Stavolta è accaduto nel capoluogo lombardo, dove una bimba di un anno ha rischiato di morire per essere stata lasciata dalla madre – convinta invece di averla portata all’asilo – nella sua vettura parcheggiata vicino alla stazione metropolitana.

Come ogni mattina la donna, che proviene da fuori Milano, percorre le stesse strade ed esegue le stesse azioni da sempre fatte negli ultimi mesi: arriva a Milano con la sua auto, la parcheggia vicino alla stazione di Bisceglie, prende la metropolitana e va al lavoro, ma non prima di aver lasciato la piccola all’asilo nido.

Ieri mattina però nella monotona sequenza della madre, c’è stato il salto di un importante passaggio, ovvero quello di portare la piccola a scuola, lasciandola da sola chiusa in un’auto dove si sono sfiorati i 30°. Ad accorgersi della presenza della piccola nella vettura, è stato un altro automobilista, che – per caso – aveva parcheggiato la propria auto vicino a quella della neonata.

Il pianto straziante ed incessante della piccola ha quindi attirato l’attenzione dell’uomo che, resosi conto della gravità della situazione, ha subito chiamato le forze dell’ordine. Grazie alla rapidità e alla prontezza delle azioni di un poliziotto, la piccola è riuscita a salvarsi sottraendosi – quindi – a quella che poteva essere, per lei, una situazione mortale.

ISCRIVITI ALLA NUOVA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI) 

loading...

Check Also

Mangia un piatto di gamberi e muore a 27 anni. Lascia il figlio di 8 mesi e il marito

Refka Didri, di origine tunisina, lavorava al ristorante stellato  “I pupi” di Bagheria. Il medico: …

Un commento

  1. Spero solo che il marito capisca lo strazio della propria moglie e non infierisca per questo gravissimo errore.
    Non ci vogliamo credere, ma puo capitare a tutti.
    L’importante per stavolta è il lieto fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *