Home / NEWS / ECCO COSA E’ DAVVERO LA TURCHIA DI ERDOGAN: quando papa Benedetto ci mise in guardia sullo sterminatore dei Curdi

ECCO COSA E’ DAVVERO LA TURCHIA DI ERDOGAN: quando papa Benedetto ci mise in guardia sullo sterminatore dei Curdi

In questi giorni, in cui con violenza e veemenza è esplosa la crisi in Siria, con la Turchia all’attacco dei curdi, ritornano alla mente, come sottolinea Il Giornale, alcune vecchie parole di Joseph Ratzinger. Parole assolutamente profetiche, che aveva pronunciato quando ancora era cardinale. “Il continente europeo ha una sua anima cristiana. E la Turchia, che non è l’Impero ottomano nella sua estensione ma ne costituisce pur sempre il nucleo centrale, ha un’altra anima, naturalmente da rispettare”, diceva colui il quale sarebbe diventato Benedetto XVI. Parole pronunciate, per la precisione, il 17 settembre 2004. Il professore di Tubinga Ratzinger era stato invitato a Vercelli per un’iniziativa pastorale, ancora non sapeva che a breve sarebbe diventato Papa. E già allora avvertiva sui rischi relativi alla Turchia, insistendo sulla differenza tra l’anima cristiana europea e quella che discendeva dall’impero ottomano. Erano i giorni in cui si discuteva della possibilità che la Turchia, già di Erdogan, potesse far parte dell’Unione europea. E cosa ne pensasse Ratzinger era chiarissimo già allora. Quanto avesse ragione, invece, con quel che sta accadendo oggi in Siria è chiaro a tutti.

loading...

Check Also

MANNOIA STA CON I DELINQUENTI! Così insulta Salvini perchè si permette di proteggere la Polizia

La cantante, come noto, è una delle tante ex elettrici del centrosinistra deluse sia dal …

Un commento

  1. I CURDI erano fino a ieri ALLEATI di ISIS in quanto alleati dei creatori di ISIS: Israele, USA, Turchia, Arabia Saudita, Quatar…
    I curdi AMMAZZAVANO CRISTIANI in Siria come STERMINARONO i CRISTIANI ARMENI cent’anni fa.
    Non verserò una lacrima sui curdi ammazzati, ma fortunatamente per loro, i russi ed i siriani non sono degl’assassini e gli stanno tendendo una mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *