Home / NEWS / BOSSETTI, COLPO DI SCENA DALLA CORTE EUROPEA DI GIUSTIZIA: la sentenza destinata a fare polemiche

BOSSETTI, COLPO DI SCENA DALLA CORTE EUROPEA DI GIUSTIZIA: la sentenza destinata a fare polemiche

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha ritenuto inammissibile il ricorso dei legali di Massimo Bossetti contro la sentenza di ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio. Lo ha comunicato la sera del 27 settembre 2019 la trasmissione Quarto Grado che aveva come ospite in studio Claudio Salvagni, avvocato di Bossetti.

La decisione della Corte

Nel corso della puntata della trasmissione di Rete 4 Quarto Grado, andata in onda la sera di venerdì 27 settembre 2019, è stato reso noto un aggiornamento del caso Yara. La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha dichiarato inammissibile la proposta che era stata avanzata dai legali di Massimo Bossetti. Infatti avevano chiesto il ricorso contro la sentenza di ergastolo per aver ucciso Yara Gambirasio. Il legale di Bossetti, Claudio Salvagni, ospite in studio, ha commentato la decisione dell’organo giuridico internazionale: “Una sentenza positiva della Corte Europea dei Diritti dell’uomo sarebbe stata la più grande soddisfazione.

Però non cambia nulla perché la strada maestra rimane comunque la revisione del processo”. In una nota, diffusa nel corso del talk show curato da Siria Magri e condotto da Gianluigi Nuzzi con Alessandra Viero, si legge così:“Terminano così i quattro gradi di giudizio per il caso iniziato il 26 novembre 2010, giorno della scomparsa della tredicenne di Brembate di Sopra (Bergamo), il cui corpo senza vita è stato ritrovato il 26 febbraio 201. Massimo Bossetti è stato condannato, dopo tre gradi di giudizio, il 12 ottobre dello scorso anno, al carcere a vita“.

loading...

Check Also

CONTE E LA FOTO DA PAGLIACCIO PER PUBBLICIZZARE IL LIBRO ANTI-SALVINI: diteci voi se questo è un Premier

È un periodo no per Giuseppe Conte, che ultimamente sembra abbonato alle cadute di stile. L’ultimo scivolone …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *