Home / NEWS / SUORA PRENDE A SCHIAFFI E CALCI I BAMBINI DELL’ASILO: la reazione furibonda dei genitori

SUORA PRENDE A SCHIAFFI E CALCI I BAMBINI DELL’ASILO: la reazione furibonda dei genitori

Urla, insulti e sberle: per i bambini dell’asilo delle suore Francescane Angelineandare a scuola ogni mattina era diventato un incubo. Ad accorgersi che qualcosa non andava per il verso giusto erano state alcune mamme, le quali si erano subito rivolte alle forze dell’ordine facendo scattare le indagini. Al termine degli accertamenti una delle suore educatrici è finita agli arresti domiciliari mentre altre tre insegnanti, due laiche e una religiosa, sono indagate. L’accusa a cui tutte dovranno rispondere è maltrattamento di minore.

Schiaffi e insulti ai bambini

Le violenze a cui i piccoli erano sottoposti quotidianamente sono state catturate dalle intercettazioni ambientali effettuate dalla polizia e disposte nei mesi di indagini dalla Procura. Le immagini e i file audio non hanno lasciato dubbi e la suora è stata arrestata. La notizia ha creato sconcerto tra tutti coloro i quali avevano frequentato negli anni l’istituto, da sempre un punto di riferimento nel territorio. “Mia figlia ha fatto le scuole lì – dice una donna -.

Ci sorprende molto un fatto del genere. Le suore erano molto attente e scrupolose,tutto è sempre stato molto curato. Ai bambini veniva fatto coltivare persino un orto“.

L’allarme delle mamme

Sono stati alcuni genitori a segnalare la situazione alle forze dell’ordine che hanno dato avvio alle indagine. Da qualche tempo si erano infatti accorte che i loro bambini non erano più gli stessi: erano terrorizzati nel tornare a scuola ogni mattina, piangevano e soprattutto non volevano stare soli con una delle suore in particolare, quella “cattiva“, come la definivano.

loading...

Check Also

ANCHE OGGI BERGOGLIO NON PERDE OCCASIONE PER TACERE: le sue preghiere? Solo ed esclusivamente per i rifugiati

Il Papa, dopo aver officiato al consueto Angelus domenicale, ho voluto rammentare l’appuntamento centrale della prossima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *