Home / NEWS / CHEF RUBIO SENZA VERGOGNA! CHIEDE CHE VENGANO PESTATI COLORO CHE SONO CONTRO IL GOVERNO: poi recita la parte della vittima perchè lo insulta tutta Italia

CHEF RUBIO SENZA VERGOGNA! CHIEDE CHE VENGANO PESTATI COLORO CHE SONO CONTRO IL GOVERNO: poi recita la parte della vittima perchè lo insulta tutta Italia

“Se fai il cuoco, lavori in tv, e non sopporti le disparità di trattamento, se odi le ingiustizie e la violenza, se hai studiato storia e non vuoi che si ripetano certe cose, in Italia non puoi dire la tua. Pensare e dissentire sono cose che fanno perdere cittadinanza e diritti”. Chef Rubio commenta così, su Twitter, la polemica sollevata dopo che un suo tweet contro la polizia è stato aspramente criticato da Valter Mazzetti, Segretario Generale dell’Fsp Polizia di Stato.

Sempre su Twitter, il volto della cucina televisiva, nonché odiatore per eccellenza di Matteo Salvini aveva sferrato un duro attacco contro gli agenti presenti alla manifestazione di Fratelli d’Italia a Roma: “Perché nessuno è stato pestato come l’uva? Perché nessun manifestante è stato perquisito, schedato e/o gonfiato di botte? Semplice: perché non c’erano Forze dell’ordine avvelenate o schierate. Evidente disparità di trattamento in base all’ideologia politica…”. O, molto più probabile, evidente disparità nel modo di fare protesta.

Immediata la replica di Mazzetti: “Con tutti i problemi e le criticità che il Paese si trova ad affrontare, e con esso l’intero sistema sicurezza, quello che veramente risulta di troppo è dover assistere al fastidioso e sconcertante comportamento di chi si mette a sentenziare sulla bontà dell’operato delle Forze dell’ordine, sulla legittimità del loro ruolo, sulla professionalità della loro azione, sulla indiscussa lealtà dei loro appartenenti, oltre tutto senza la pur minima competenza in materia“. 

loading...

Check Also

ANCHE OGGI BERGOGLIO NON PERDE OCCASIONE PER TACERE: le sue preghiere? Solo ed esclusivamente per i rifugiati

Il Papa, dopo aver officiato al consueto Angelus domenicale, ho voluto rammentare l’appuntamento centrale della prossima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *