Home / NEWS / ERANO A MALTA, MA INVECE DI SCARICARE SON VENUTI FINO IN ITALIA: nessuno racconta la provocazione infame della nave pirata sequestrata oggi a Pozzallo

ERANO A MALTA, MA INVECE DI SCARICARE SON VENUTI FINO IN ITALIA: nessuno racconta la provocazione infame della nave pirata sequestrata oggi a Pozzallo

La nave Eleonore della Ong TEDESCA Lifeline con 104 CLANDESTINI a bordo ha forzato il divieto di entrare in acque territoriali italiane ed è diretta al porto di Pozzallo.
Era da giorni davanti a Malta, ma col PD preferisce ore di navigazione invece di pochi minuti….
La Ong chiede il sostegno della popolazione: “Bello se ci venissero a salutare a Pozzallo persone e avvocati”…
Gli scafisti ORMAI sentono aria di ‘ribaltone’ , senza SALVINI sanno che tutto è più facile e tanto in un modo o in un altro grazie a Giuseppi o alla magistratura sbarcheranno.

Sono ben 9 le Ong che sono tornate a pesca nel Mediterraneo appena hanno annusato la possibilità che il Pd tornasse al governo.

ABBIAMO BISOGNO COME IL PANE DI UN GOVERNO FORTE CHE DIFENDA I CONFINI , ORMAI NON SI TRATTA PIU DI IMMIGRATI MA DI COLONI E NOI TERRA DA COLONIZZARE.

Nel frattempo c é un vero e proprio assalto alle coste Italiane : un nuovo sbarco di clandestini nel Salento,una barca a vela con 35 clandestini a bordo, è stata soccorsa al largo del Capo di Leuca (Le). Il mezzo ha chiesto aiuto mentre era bloccato in mezzo al mare, a circa 40 miglia, ed è stato raggiunto dalla Capitaneria di Porto.
Ormai i clandestini chiamano i nostri militari come si telefona ad un taxi. Un po’ come se un ladro chiamasse il padrone di casa per farsi aprire la porta, visto che da solo non riesce.

Lo sbarco avviene appena due giorni dopo l’arrivo di 62 clandestini pakistani a Gallipoli: in quell’occasione gli scafisti avevano abbandonato le persone a bordo del natante all’Isola di Sant’Andrea e avevano tentato di scappare, ma sono stati intercettati e bloccati.
Sempre ieri, nella mattinata, 100 clandestini tunisini erano sbarcati a Lampedusa. Mentre poche ore fa la Trenta ha fatto sbarcare altri 29 immigrati caricati da una nave militare, la Cassiopea. A questi aggiungiamo gli altri 100 sbarcati della Mediterranea di Casarini.


La nave “Eleonore” dell’ong Lifeline ha 104 migranti a bordo: questa mattina è entrata in acque italiane ma la Guardia di Finanza ne ha preso possesso e l’ha scortata fino a Pozzallo

Il divieto di ingresso è stato forzato. Nonostante il ministro dell’Interno Matteo Salvini lo avesse firmato nei giorni scorsi, la nave “Eleonore” della ong tedesca Mission Lifeline ha dichiarato lo stato di emergenza è ha puntato verso le coste italiane.

Il pericoloso blitz, che segue quello della capitana della Sea Watch Carola Rackete, arriva in un momento in cui le navi delle organizzazioni non governative hanno ripreso l’assalto alle nostre acque sperando di poter contare sul nuovo sodalizio tra Movimento 5 Stelle e Partito democratico.

Nei giorni scorsi la nave “Eleonore”, che ha a bordo un centinaio di immigrati clandestinirecuperati de un gommone che stava affondando a 43 miglia da Al-Khoms (guarda la gallery), era stata raggiunta dal provvedimento del governo italiano di divieto di ingresso in acque territoriali italiane. Come si legge nel documento, che è stato controfirmato anche dai ministri Danilo Toninelli e Elisabetta Trenta, consentire all’imbarcazione di entrare nelle acque italiane “potrebbe determinare rischi di ingresso sul territorio nazionale di soggetti coinvolti in attività terroristiche o comunque pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica, in quanto le persone tratte a bordo della Eleonore sono verosimilmente cittadini stranieri privi di documenti di identità e la cui nazionalità è presunta sulla base delle rispettive dichiarazioni”.

Nonostante il provvedimento, però, il capitano Klaus Peter Reisch, dopo essere stata al largo di Malta per alcuni gorni, ha dichiarato lo stato di emergenza e ha deciso di puntare verso l’Italia e di infrangere il divieto. Ma, mentre stava facendo rotta verso la Sicilia e si trovava a quattro miglia circa dal porto di Pozzallo, è stata prontamente fermata da due motovedette della Guardia di Fiananza che, con l’aiuto della della Capitaneria di Porto di Pozzallo, ne hanno preso il controllo per contestare la violazione del divieto di ingresso e sottoporla a sequestro amministrativo cautelare. Sequestro che, però, è avvenuto una volta che l’imbarcazione, scortata dai mezzi delle Fiamme Gialle, è stata fatta sbarcare in Sicilia. La Commissione europea ha già iniziato a lavorare per i ricollocamenti in altri Stati membri degli immigrati che si trovavano a bordo. Secondo la portavoce Natasha Bertaud, “un certo numero di Stati membri” si sono già mostrati disponibili a accoglierli.

“Leggi e confini vanno rispettati”, ha intimato Salvini. “Se qualcuno pensa di fregarsene senza conseguenze ha sbagliato di grosso e ha sbagliato ministro – ha, quindi, promesso il ministro dell’Interno – faccio e farò di tutto per difendere l’Italia”. Adesso con il decreto Sicurezza bis, che il Partito democratico vorrebbe eliminare una volta formato il nuovo governo, il capitano della Mission Lifeline rischia di dover sborsare una somma che oscilla dai 150mila euro al milione di euro. Proprio per questo, una volta entrati in acque territoriali italiane, i volontari dell’organizzazione non governativa hanno subito lanciato su Twitter un appello: “Sarebbe bello se alcune persone e avvocati fossero lì per incontrare l’equipaggio”. A bordo era presente anche un politico tedesco della Spd, Markus Rinderspache. Salito ieri dall’isola di Malta per trascorrere la notte sulla nave, è l’ennesima dimostrazione di come la sinistra strumentalizzi l’emergenza immigrazione per attaccare l’Italia.


loading...

Check Also

BERLUSCONI, BUONE NOTIZIE DALL’OSPEDALE: ridimensionate le notizie dell’incidente, ecco le sue reali condizioni di salute

Il Cavaliere è rientrato da Zagabria dopo una caduta. Dopo alcuni accertamenti la diagnosi: “Nessuna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *