Home / NEWS / Vacanza da incubo in Puglia. Nausea, vomito, diarrea: turisti intossicati. Diversi in ospedale

Vacanza da incubo in Puglia. Nausea, vomito, diarrea: turisti intossicati. Diversi in ospedale

Una vacanza attesa da un anno che nelle idee sarebbe dovuta essere ben diversa. Per dieci persone, vittime di intossicazione alimentare, si è trasformata in un incubo. Succede in Salento, tra le persone coinvolte anche una bambina di 10 anni. I sintomi si sono manifestati poco dopo la cena: nausea, vomito, diarrea e brividi. Immediata è scattata la telefonata al Pronto Soccorso che ha subito mandato un’ambulanza per accertare la situazione. La brutta storia, che potrebbe avere anche delle conseguenze ben oltre il rimborso della vacanza, è accaduta nella serata di martedì 23 luglio al «The Village» di Torre dell’Orso, marina di Melendugno in provincia di Lecce, che ospita al momento oltre 700 villeggianti.

Il centralino del 118 è stato inondato da numerose telefonate di ospiti della struttura allarmati dagli stessi sintomi che andavano dal vomito alla nausea, dalla diarrea agli svenimenti. La centrale operativa quindi ha inviato sul posto diverse ambulanze e auto mediche con relativo personale sanitario e medico che ha preso in cura i pazienti tra cui anche alcuni minori e una bimba di quattro anni.

Sul posto è stato organizzato una sorte di triage, in maniera da smistare al meglio i turisti. Per la maggior parte dei coinvolti la situazione fortunatamente si è stabilizzata senza troppe conseguenze ma per dieci di loro è stata necessario il trasporto in ospedale per le visite del caso e una terapia più forte. Per tre di questi, dopo la visita al pronto soccorso, addirittura è stato necessario il ricovero in ospedale sotto osservazione medica per le prossime ore.

Secondo le prime notizie, la struttura dove si è verificato il fatto attualmente ospita oltre settecento villeggianti, la maggior parte dei quali però non è stata interessata dai disturbi intestinali. Il caso sarebbe nato appena dopo il primo turno della cena di questa sera. Dopo l’accaduto, sul posto è giunto il personale dell’Asl per gli accertamenti volti a stabilire se siano presenti alimenti contaminati.

Si distinguono quattro tipologie di intossicazione alimentare: quella dovuta a tossine vegetali e animali, quella causata da tossine di origine chimica (farmaci, pesticidi, metalli, additivi), quella da tossine di microrganismi (batteri, virus, parassiti, muffe) e quella di tossine derivanti dalla biodecomposizione degli alimenti (è il caso delle sindrome sgombroide, intossicazione alimentare acuta che si verifica con alcuni tipi di pesce in cui è presente una tossina a causa della cattiva conservazione). L’intossicazione alimentare può essere dovuta all’ingestione di alimenti contaminati o a una carenza nelle norme igieniche nella preparazione e nella conservazione del cibo. In caso di intossicazione alimentare è consigliato chiamare tempestivamente un centro antiveleni o il pronto soccorso, riferendo che cosa si è mangiato e in quali quantità. n caso di intossicazione alimentare è bene assumere farmaci, non aspettare che i sintomi passino da soli, non ricorrere a inutili rimedi casalinghi (per esempio bere latte).

loading...

Check Also

FELTRI SHOW IN DIRETTA TV: “Lampedusa è meglio di Lourdes, tutti i migranti malati sulle barche arrivano e dopo 10 minuti stanno benissimo”

Vittorio Feltri, direttore di Libero, dice quello che nessuno in tv ha il coraggio di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *