Home / NEWS / PRIMA LA REGIONE ROSSA, POI IL VOTO ANTICIPATO: ecco il vero piano di Salvini per mandare tutti a casa

PRIMA LA REGIONE ROSSA, POI IL VOTO ANTICIPATO: ecco il vero piano di Salvini per mandare tutti a casa

“Uno schema quasi militare”. Matteo Salvini sarebbe tentato di rompere con il Movimento 5 Stelle a tempo debito, e soltanto dopo aver centrato l’obiettivo grosso: strappare, cioè, l’Emilia Romagna al Pd alle prossime elezioni regionali. È Augusto Minzolini, sul Giornale, a suggerire il progetto strategico del leader dell Lega: andare a votare nella primavera 2020 con in saccoccia praticamente tutti i voti amministrativi passati. La sfida per la roccaforte rossa, tra ottobre 2019 e gennaio 2020, rischia quindi di diventare lo scontro finale tra Salvini e anti-salvini, con i dem nella scomoda veste dei “greci alle Termopili con i Persiani”.

Ma Salvini avrebbe già in tasca anche la campagna elettorale da sfruttare per le politiche, sulla scia dell’eventuale successo alle regionali emiliane. “Il leader leghista – scrive Minzolini – sta accumulando una serie di dossier che lo vedono deluso dal comportamento di questo governo”. Autonomie, manovra, flat tax. A quel punto Salvini “punterà dritto alle urne illustrando agli italiani il cahier de doléances di tutte le cose che il governo Conte non ha fatto e che dovrà fare il governo Salvini: più o meno lo stesso copione che l’altro Matteo (Renzindr) fece con Enrico Letta, ma non commettendo l’errore qui c’è la differenza – di andare a Palazzo Chigi senza un’ investitura popolare”.

loading...

Check Also

Grave lutto nella tv: è morto a 47 anni dopo una lunga malattia

Grave lutto nel mondo della televisione: è a morto Mattia Torre, 47 anni, scrittore e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *