Home / NEWS / CON QUEI SOLDI AIUTA 43 FAMIGLIE ITALIANE, ALTRO CHE MIGRANTI: solo uno ha come sempre le palle per rispondere al solito Vescovo complice dell’invasione

CON QUEI SOLDI AIUTA 43 FAMIGLIE ITALIANE, ALTRO CHE MIGRANTI: solo uno ha come sempre le palle per rispondere al solito Vescovo complice dell’invasione

È monsignor Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, l’uomo che ha dichiarato di voler accogliere i 43 migranti a bordo della Sea Watch. La nave è ancora in mezzo al mare in attesa – dopo il rifiuto di sbarcare a Tripoli – di un porto sicuro da dieci giorni. Matteo Salvini sulla vicenda non ha mai cambiato idea: “Noi non accogliamo, che ci pensi l’Olanda“. E così intervengono i cattolici, o meglio, chi predica l’accoglienza: “La diocesi di Torino è disponibile ad accogliere le 43 persone che sono a bordo della Sea Watch al largo di Lampedusa, senza oneri per lo Stato, perché al più presto si possa risolvere una situazione grave e ingiusta”, aveva affermato monsignor Nosiglia in mattinata, lunedì 24 giugno.

Monsignor aveva poi mostrato tutta la sua tristezza: “Come vescovo e come cristiano sento tanta sofferenza“. La risposta del ministro dell’Interno non si è fatta attendere: “Caro Vescovo, potrà destinare i soldi della Diocesi per aiutare 43 Italiani in difficoltà – ha scritto Salvini sul suo profilo Facebook – Per chi non rispetta la legge i nostri porti sono chiusi“.

loading...

Check Also

FREGATA DA FREDDO E NEVE! Greta, che goduria: arrivata a Torino costretta ad annullare tutti gli impegni

“Infreddolita e provata”. Così La Stampa descrive Greta all’arrivo a Torino. Strano che abbia freddo, con il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *