Home / NEWS / SEA WATCH, DALLA BARCA INSULTANO L’ITALIA INTERA: le vergognose parole della volontaria da 5.000 euro al mese

SEA WATCH, DALLA BARCA INSULTANO L’ITALIA INTERA: le vergognose parole della volontaria da 5.000 euro al mese

Ora la Sea Watch 3, dopo le sfide e le provocazioni, passa direttamente all’insulto. Nel mirino ovviamente l’Italia, ma non solo Matteo Salvini. Le accuse piovono dopo la sentenza del Tar con la quale è stato respinto il ricorso contro il divieto di ingresso in acque territoriali disposto dal Viminale. In un comunicato, la ong battente bandiera tedesca, ha azzannato: “Sono trascorsi 8 giorni dal soccorso, la Sea Watch si trova ancora in acque internazionali dove il nuovo decreto legge impedisce l’ingresso nelle acque italiane e al comandante di esercitare il diritto sacrosanto di entrare in un porto per uno stato di necessità determinato da una situazione di emergenza sanitaria a bordo”.

Dunque la Sea Watch reitera la richiesta di un porto sicuro per lo sbarco: “È automatico che la presenza di naufraghi a bordo presenta tutti i caratteri dell’emergenza e normalmente darebbe il diritto a un comandante di entrare in porto e di essere assistito. Il comandante sta assumendo un atteggiamento cauto di resistenza, e tuttavia è sempre più forte l’insofferenza sua, dell’equipaggio e delle persone a bordo. La nave si muove si muove di continuo, la permanenza è debilitante”.

Dunque, la ong rivendica la decisione di rifiutare la Libia come porto sicuro: “Ci sono storie di violenza condivise con il nostro equipaggio, detenuti per mesi anche un dodicenne, una persona ha visto uccidere un familiare sotto i suoi occhi in detenzione, un altro è stato costretto a seppellire i corpi per rendere la prigione presentabile in attesa di visite esterne. Sono storie di orrore – prosegue Sea Watch – sufficienti non riportare queste persone in Libia come ci viene indicato a seguito di questa indicazione con disumana, cinica e illegale, sarebbe reato di respingimento collettivo perché la Libia non Paese sicuro perché in guerra, non abbiamo ricevuto altre indicazioni dalle autorità europee”.

Ed è alla fine del comunicato che la ong picchia durissimo contro il Belpaese: “Intrappolati tra responsabilità del comandante sulla vita di questa persone e l’attacco e la criminalizzazione che ci aspetterebbe se varcassimo questa linea immaginaria, tra umanità e disumanità. Questo è diventato il confine italiano”, concludono da Sea Watch.

loading...

Check Also

10 GIORNI DI GOVERNO E ARRIVA LA SENTENZA SCANDALOSA: 81 MILIONI DI DEBITI DELL’UNITA’? Saranno a carico degli italiani, ma nessun TG te lo racconta

L’Unità, tribunale di Roma: “81,6 milioni di debito da ripagare con soldi pubblici”. Ma Palazzo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *