Home / VIAGGI / Casa, terreno e 500 euro al mese: la meravigliosa isola del Mediterraneo così cerca di ripopolarsi

Casa, terreno e 500 euro al mese: la meravigliosa isola del Mediterraneo così cerca di ripopolarsi

Anticitera. L’isola greca dove nacque il primo computer cerca abitanti

L’isola, insomma, non ha nulla a che invidiare alle arci-famose Cicladi, come Paros, Mykonos e Santorini, che saranno pure più grandi, ricche di attrazioni e posti alla moda, sono diventate veri poli turistici per amanti della movida. Anticitera, dal canto suo, rappresenta il volto più autentico della Grecia. Eppure nessuno la conosce, i turisti la snobbano e persino la sua popolazione sembra averle voltato le spalle. Sull’isola infatti sono rimasti solo quaranta abitanti – e neanche un bambino – tutti concentrati nel villaggio principale, Potamos (che è anche il porto).

Da qui l’idea: lanciare una campagna per ripopolare l’isola, cercando nuovi abitanti che siano disposti a trasferirsi e mettere su famiglia in questo avamposto greco. Per convincere più persone possibile, però, gli abitanti del posto sanno che non basta evidenziare i punti di forza, gli ambienti rilassanti, la pace della natura, la bellezza dei panorami, la ricchezza delle sue acque. E per rendere la proposta più allettante, ed attrarre magari i giovani, hanno messo a disposizione di nuove famiglie di avventori sia una casa, che un appezzamento di terra da coltivare o per avviare un’attività e un assegno di 500 euro al mese per i primi tre anni. Non c’è –  almeno allo stadio iniziale – un limite massimo alle richieste, visto che l’obiettivo è ripopolare l’isola. E sono già 4 le famiglie che si sono prenotate.

Tra le sue alte falesie e le terre selvagge, nasconde anche delle vere meraviglie. Come il suo castello, l’antica città fortificata costruita verso la fine del IV secolo a.C. e l’inizio del III a.C., appollaiata nella parte nord, sopra la baia di Xeropotamos, un tempo porto della città. Circondata da alte mura di cinta, tra le sue numerose rovine, offre un viaggio indietro nel tempo. Nella zona del porto è stato ritrovato anche un tempio di Apollo, con una statua di marmo dedicata la dio, ora in mostra al Museo Archeologico di Atene. Sia il porto che la città fortificata sono in ottime condizioni e creano uno straordinario tour archeologico. Tra i siti storici da non perdere, ci sono anche i mulini alimentati da vento o acqua, a partire dal più importante, il vecchio mulino di Potamos, che risale all’Ottocento. Senza contare gli straordinari reperti recuperati da un antico naufragio, tra cui l’Efebo, la statua di bronzo, e il Meccanismo di Antichitera, un marchingegno tutto ingranaggi considerato il primissimo, rudimentale esempio di computer.

E poi le spiagge. Che sono poche, piccole e defilate. Ma il bello sta proprio lì. Le più interessanti sono quella di Xiropotamos e la baia di Kamarilla. Bagnate da acque smeraldo, di sabbia dorata o di ciottoli bianchi, sono la cartolina perfetta dell’isola greca.

loading...

Check Also

Si cerca una coppia per lavorare all’interno di un faro in un’isola. 112mila euro l’anno

Chi non sogna di scappare da tutto e da tutti per vivere in un luogo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *