Home / STORIE DI SPORT / Saviano, anche oggi una figura di m…! Inventa balle sul pugile ciccione diventato Campione del Mondo, ed è subito sputtanato dal web

Saviano, anche oggi una figura di m…! Inventa balle sul pugile ciccione diventato Campione del Mondo, ed è subito sputtanato dal web

Una battaglia persa. È incorreggibile Roberto Saviano che, mai sazio di brutte figure, proprio non riesce ad astenersi dalla sindrome da tuttologo che lo attanaglia.

di Simone De Rosa per Oltrelalinea

Le cose stavolta devono essere andate più o meno così: il buon Roberto avrà visto (o forse gli avranno raccontato) un incontro di boxe vinto da un obeso americano di origini messicane contro il campione del mondo dei pesi massimi.

A quel punto dunque, forte della sua profonda conoscenza del mondo pugilistico (avendo forse visto per ben due volte Rocky e una volta anche Rocky 4), avrà pensato di scriverci un articolo. Quale migliore occasione, d’altronde, di un “messicano semisconosciuto” che batte il campione per rilanciare la propaganda filoimmigrazionista anti-Trump?

Saviano incorreggibile: ennesima gaffe. E piovono critiche

Peccato però che il “pugile di origini messicane semisconosciuto”, seppur sfavoritissimo al confronto del campione Anthony Joshua, non fosse proprio l’ultimo dei fessi, come lo scrittore lascia intendere, ma il n. 14 del ranking mondiale.

E chi mastica un po’ di boxe Andy Ruiz Jr lo conosceva e come. 34 incontri da professionista all’attivo, con 33 vittorie (22 per KO) e una sola sconfitta.

Saviano incorreggibile: ennesima gaffe. E piovono critiche

Glielo fanno notare in un commento.

Saviano incorreggibile: ennesima gaffe. E piovono critiche

Grigorij va oltre e, con un esaustivo commento invece, smonta compeltamente la retorica di Saviano, facendo anche notare come nessuno insultasse il pugile di casa (nato e cresciuto negli USA).

Saviano incorreggibile: ennesima gaffe. E piovono critiche

Anche la narrazione antirazzista ha pochissimo valore. Anthony Joshua stesso è un britannico di origini nigeriane. D’altronde la boxe i conti col razzismo li ha fatti già quando Jack Johnson schiantò Jeffries nel 1910, e i pugili messicani (per non parlare di quelli di colore) sono tra i migliori di questo sport: da “Canelo” Alvarez a Leo Santa Cruz e Miguel Berchelt, volendo rimanere ai soli “in attività”.

La retorica “savianesca” stavolta ha dunque proprio mancato completamente bersaglio. Un colpo a vuoto clamoroso, con una serie di critiche, quelle sì, da KO come un destro di Rocky Marciano. Appunti arrivati anche da nomi noti del mondo pugilistico come Marco Nicolini.

Saviano incorreggibile: ennesima gaffe. E piovono critiche

A ben pensare però, fa notare Andrea, una favola simile a quella che voleva raccontare Saviano c’è stata. Ed è stato l’incontro che ha ispirato Stallone per scrivere la sceneggiatura di Rocky.  Da un lato del ring uno che semisconosciuto lo era sul serio Chuck Wepner, “il sangiunolento di Bayonne”, dall’altro la leggenda Muhammad Alì. Wepner resistette ben 15 riprese e riuscì anche a mettere al tappeto il campione al nono round. Ma Chuck era bianco e la narrazione strumentale della realtà non avrebbe potuto trovare fondamento nei Saviano dell’epoca.

Saviano incorreggibile: ennesima gaffe. E piovono critiche

Come a un pugile suonato dunque, che ha avuto la cattiva idea di confrontarsi a muso duro con Mike Tyson, invitiamo Roberto Saviano a sedere all’angolino, sperando si renda conto, prima o poi, che a fare i tuttologi si rimediano solo tante brutte figure.

loading...

Check Also

Gigi Buffon, chi c’è dietro l’addio choc al Psg: “Non hanno mai smesso di sentirsi”. Altro che la D’Amico…

Zampino sospetto dietro l’addio di Gigi Buffon al Psg dopo un solo anno. Come sottolinea il Quotidiano nazionale, fino a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *