Home / NEWS / Voli di Stato? Salvini li ha usati pochissimo, ma perchè nessuno li ha contestati a Minniti che li usava persino per andare in bagno?

Voli di Stato? Salvini li ha usati pochissimo, ma perchè nessuno li ha contestati a Minniti che li usava persino per andare in bagno?

Maurizio Belpietro per “la Verità”

Ogni tanto c’ è qualcuno che rimprovera a Matteo Salvini di occuparsi solo di immigrati e non dei problemi più complessi di cui soffre il Paese. Certo, l’ Italia di guai ne ha un certo numero, a cominciare da quelli economici. Il Pil non cresce e le tasse sono troppo alte, così come la percentuale di disoccupati. Tuttavia, se si fa il ministro dell’ Interno è piuttosto naturale che si parli dei temi riguardanti la sicurezza invece di quelli dell’ industria e della finanza. Ancor più naturale che si cerchi di fare approvare in fretta delle norme che garantiscano l’ ordine pubblico e il rispetto della legge.

Se mi sono permesso un preambolo degno di monsieur de La Palice è perché fatico a comprendere e dopo la riunione istituzionale partecipa anche a un evento di partito? Qual è il reato se in quasi un anno di attività utilizza 19 volte un mezzo a disposizione della Polizia essendo il ministro che comanda la Polizia? A nostro parere non c’è nulla di strano o censurabile, e le accuse andrebbero liquidate con una sonora risata, così come l’ annuncio di un’indagine della Corte dei conti.

Però, visto che i segugi del quotidiano caro alla sinistra hanno scavato alla ricerca di qualche cosa di anomalo nei voli di Stato presi da Salvini, suggeriamo loro di dare un’occhiata anche ai viaggi di altri ministri dell’ Interno, ossia di coloro che occupavano la poltrona del Viminale prima del capitano leghista.

Lo studio dei viaggi sarebbe interessante, perché per esempio si potrebbe scoprire che Marco Minniti, cioè l’ idolo dei giornalisti di Repubblica – i quali lo avrebbero voluto segretario del Pd al posto di Nicola Zingaretti – ha viaggiato a bordo degli aerei del 31esimo stormo dell’ Aeronautica ben 77 volte in un anno e mezzo, dunque con una media assai più elevata dei trasferimenti di Salvini. Sì, Minniti era proprio un ministro con la valigia, sempre con il piede sulla scaletta di un aereo.

Ma dove andava con tale frequenza l’ allora inquilino del Viminale? Beh, a leggere i resoconti pubblicati dalla Presidenza del Consiglio, l’ uomo a cui era affidata la sicurezza dello Stato faceva su e giù da Reggio Calabria. Zona ad alta densità criminale, segnalano le statistiche e le indagini. Sì, ma anche la zona dove Minniti ha casa e il suo regno elettorale. I viaggi avevano una frequenza quasi settimanale: Roma-Reggio Calabria andata e ritorno. In un mese il ministro ci andava anche quattro volte. In altre occasioni, atterrava di là dallo Stretto. Altre ancora raggiungeva Firenze, altra località interessata dai voli di Matteo Renzi.

Naturalmente noi siamo certi che Minniti, ogni qual volta si sia recato a Reggio Calabria oppure a Lamezia Terme, lo abbia fatto per importanti impegni istituzionali e non di partito.

Tantomeno pensiamo che il suo fosse un ritorno a casa dopo una settimana di duro lavoro. Certo, consultando gli elenchi, balza spesso all’ occhio la coincidenza del volo di Stato con il weekend, ma siamo certi che il fatto debba essere considerato puramente casuale e se in agosto (2017) il ministro ha fatto avanti e indietro più volte da Reggio Calabria è stato solo per svolgere al meglio il proprio compito.

Ma a viaggiare molto su e giù per la penisola non era solo Minniti. Un assiduo della cabina di volo era anche Angelino Alfano, il quale però non s’ imbarcava per la cittadina calabrese, ma volava spesso in Sicilia, a volte atterrando a Palermo, altre a Catania, altre ancora a Trapani. Che il fondatore del Nuovo centrodestra sia di Agrigento è anche quella – come per Minniti – una pura coincidenza, tanto è vero che i voli sul sito della Presidenza del Consiglio sono classificati tutti con la motivazione «Istituzionale/sicurezza».

Se citiamo i viaggi aerei dei predecessori di Salvini, non lo facciamo per il gusto di mostrare il rovescio della medaglia, cioè in questo caso i numerosi voli blu quando a Palazzo Chigi c’ era Matteo Renzi, ma allo scopo di fare un po’ di chiarezza sull’ uso di questo servizio e soprattutto per scoprire chi accompagnava i ministri nelle trasferte. L’ altro giorno abbiamo scoperto che in almeno un caso a bordo c’ erano proprio dei giornalisti di Repubblica, cioè i colleghi di coloro che l’ altroieri si scandalizzavano per i viaggi di Salvini.

Sarebbe interessante dunque rendere pubblica la lista. Addirittura, si potrebbero fare delle classifiche sui frequent flyer di Stato, con un punteggio per ogni singolo globetrotter ministeriale. Anzi, suggerisco al Viminale e alla Presidenza del Consiglio di dirci anche quanto sono costati questi viaggi. Allora sì che ne scopriremmo delle belle.

loading...

Check Also

“CHI E’ PIU’ STRON.. E CAROGNA TRA RENZI E DI MAIO?” Lilli Gruber sempre più fuori di testa, la follia va in onda in diretta tv

Da www.liberoquotidiano.it “Ministro Gualtieri, chi è più stron…, più carogna, Renzi o Di Maio?”. Lilli Gruber …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *