Home / NEWS / Bombe molotov e cariche contro la Polizia: così i nazisti rossi a Firenze hanno provato a irrompere nella piazza dove teneva il comizio Salvini

Bombe molotov e cariche contro la Polizia: così i nazisti rossi a Firenze hanno provato a irrompere nella piazza dove teneva il comizio Salvini

Domenica 19 maggio almeno 2 mila persone a Firenze hanno contestato il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che si trovava in città per un comizio elettorale. Salvini avrebbe dovuto iniziare a parlare alle ore 21.00 in Piazza Strozzi per concludere la campagna elettorale in vista delle elezioni europee, ma a circa 50 metri, in Piazza della Repubbblica, centinaia di manifestanti si sono radunati e alcuni di loro hanno tentato di forzare l’accesso per arrivare al luogo del comizio, sfondando il cordone di polizia. Gli agenti, con scudi e manganelli, hanno caricato i manifestanti quattro volte per riprendere il controllo della situazione. L’intervento di Salvini è stato a quel punto ritardato.

La manifestazione di protesta era stata organizzata da Iam (Iniziativa antagonista metropolitana), Cua (Collettivo universitario autonomo), Cas (Collettivo antagonista studentesco) e dal Collettivo femministe Spine. I e le manifestanti hanno cantato “Bella ciao”, hanno gridato cori contro Salvini e mostrato vari cartelli di contestazione.

loading...

Check Also

GIGINO STAI SERENO: il piano senza senso dei Cinquestelle? Ecco perchè Di Battista è parcheggiato in tutte le Tv ad ogni ora del giorno e della notte

Tra i parlamentari grillini gira una freddura: “Luigi, stai sereno”. Brutte notizie per Luigi Di Maio, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *