Home / CURIOSITA / Caschetto biondo e risata contagiosa, Raffaella Carrà è la regina immortale della tv italiana

Caschetto biondo e risata contagiosa, Raffaella Carrà è la regina immortale della tv italiana

Immortale caschetto biondo e risata contagiosa, Raffaella Carrà è una delle icone assolute della televisione italiana. Nel corso della sua carriera, ha messo a segno una serie davvero innumerevole di successi. I programmi della Carrà hanno incassato il plauso del pubblico e le hanno consentito di farsi conoscere da intere generazioni senza passare mai di moda. Raffaella fin da piccolissima trascorre le ore del suo tempo libero nella gelateria della nonna guardando programmi televisivi come Il Musichiere, ripetendo alla perfezione tutte le canzoni e i balletti della celebre trasmissione Rai.

Nella stagione 1969-1970 arriva il successo televisivo, nello spettacolo Io, Agata e tu (con Nino Taranto e Nino Ferrer), in cui Raffaella Carrà lancia un nuovo stile di showgirl, scattante e moderna.  Poi arrivano Canzonissima (1971) e soprattutto Milleluci (1974), che diventano dei cult proprio per la presenza di Raffaella Carrà. Curiosità: il suo vero nome è Raffaella Maria Roberta Pelloni. È a metà degli anni 1960 che le fu dato lo pseudonimo “Carrà”, consigliatole dal regista Dante Guardamagna, il quale, appassionato di pittura, associò il suo vero nome, Raffaella, che ricorda il pittore Raffaello Sanzio, al cognome del pittore Carlo Carrà.

E i capelli? Il suo caschetto biondo è diventato famoso in tutto il mondo ma il colore naturale della Raffa Nazionale è il castano. E c’è di più, i suoi capelli naturali sono ricci. Tra gli anni Settanta e Ottanta incide brani musicali (Tanti auguri e Rumore), conduce programmi tv e diventa una vera icona di stile. Dopo i grandi successi degli anni settanta nel 1986 conduce un’edizione di Domenica in e l’anno successivo passa a Mediaset dove è la protagonista di due programmi: Raffaella Carrà Show (1987) e Il Principe Azzurro (1988) andati in onda entrambi su Canale Cinque. Agli inizi degli anni novanta torna di nuovo in Rai e conduce Ricomincio da due (1990) programma che ottiene grandi ascolti. (Continua a leggere dopo la foto)

raffaella carrà

Ma è con Carràmba che fortuna (1998) che la conduttrice riesce, ancora una volta, a far parlare di sé lanciando un programma che farà scuola ad altre trasmissioni dello stesso genere. Raffaella Carrà è nata a Bologna e non a Bellaria come molti spesso hanno detto. Lei stessa tempo fa in un’intervista lo ha specificato: “Dicono che sono nata a Bellaria. E non è vero. Mia madre era di Bellaria. Aveva un bar. Per me Bellaria era il luogo della libertà, del profumo delle piadine, della gente per cui sono sempre stata la ‘fiola della Iris’. Mentre Bologna è il luogo dove ho vissuto, il luogo delle fatiche, del dovere, di queste cose qua insomma”. È nata da una famiglia benestante ed è cresciuta con la nonna romagnola e il nonno siciliano. I suoi genitori si lasciarono quando lei aveva solo due anni. Raffaella Carrà non ha avuto un rapporto facilissimo con il padre. Ha sempre detto di essere stata cresciuta dalla mamma e dalla nonna, per via dell’inaffidabilità dell’uomo. (Continua a leggere dopo le foto)

“Mi hanno cresciuta due donne. – ha detto in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera parlando della sua vita – Tre, contando la nurse inglese. Mia mamma Angela Iris fu una delle prime a separarsi nel dopoguerra. Non si risposò più. Nonna Andreina era rimasta vedova di un poliziotto di Caltanissetta. Mi vergognavo di non avere avere una figura maschile. Mio padre è stato un uomo buono e intelligente, ma inaffidabile”. Nota anche per i suoi flirt e relazioni, soprattutto con uomini dello spettacolo. La Carrà, infatti, è stata legata per anni a Gianni Boncompagni prima, e Sergio Japino poi, ma da qualche anno si dichiara ”single”. Raffaella Carrà (Bologna 18 giugno 1943 ) non ha figli, è alta un metro e sessantotto centimetri e pesa circa cinquantasei chili. Nel settembre del 2018 è stata insignita a Roma a nome di Re Felipe VI di Spagna dell’onorificenza di Dama al Orden del Merito Civil, una delle più alte di Spagna.

loading...

Check Also

“Da 270 chili a 70”. La metamorfosi di Brittani le incredibili foto post dieta

Un rapporto difficile con il cibo per anni. I chili accumulati, oltre 200, la difficolta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *